Pierino Porcospino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierino Porcospino
Titolo originale Der Struwwelpeter
Struwwelpeter 1.jpg
Pierino Porcospino come appare nella prima edizione del libro.
Autore Heinrich Hoffmann
1ª ed. originale 1845
1ª ed. italiana 1882
Genere Filastrocca; letteratura per ragazzi; libro illustrato.
Lingua originale tedesco

Pierino Porcospino o Der Struwwelpeter è un libro illustrato per bambini di Heinrich Hoffmann. Il libro comparve anche in Italia, pubblicato dalla Hoepli nel 1882, che un decennio più tardi lo ristampò con la fortunata traduzione di Gaetano Negri[1], ma rimase assai più noto nei paesi più a Nord, dove fu oggetto di riscritture e di parodie. La storiella di Pierino dà il nome all'intera opera, una raccolta di dieci filastrocche che raccontano le vicende di altrettanti personaggi.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Pierino è un ragazzo che rifiuta di collaborare con i genitori: non tagliandosi le unghie né pettinandosi, assomiglia ad un porcospino. La sua filastrocca, brevissima, ha il compito di introdurre e presentare a titolo di esempio i personaggi e gli argomenti del libro: tutti i giovanissimi protagonisti sono in qualche modo disobbidienti come Pierino; alcuni di loro sono iperattivi, altri violenti, semplicemente distratti oppure trascurati.

Pierino Porcospino.
La storia del malvagio Federico.
La storia tristissima degli zolfanelli.
La storia del moretto.
La storia del fiero cacciatore.
La storia di Corrado succhia-pollici.
La storia di Gasparino che non mangia la minestra.
La storia di Filippo che balla sulla sedia.
La storia di Giannino Guardinaria.
La storia di Roberto che vola.

La sanzione[modifica | modifica wikitesto]

Il premio per il bambino ubbidiente, il lettore, è la storia stessa con il suo tono ironico e le sue buffe figure, come spiegato dall'autore nel prologo.

Nonostante la scorrevolezza delle filastrocche ed il tono di fondo leggero, le storielle costituiscono un esempio di educazione autoritaria. I bambini vengono sistematicamente castigati, e la gravità delle singole punizioni non è facile da prevedere.

Da un lato, qualche volta le sanzioni riservate ai bambini sono in un qualche modo adeguate alla gravità della colpa o comunque "giuste" (di solito secondo il contrappasso, principio che regola il finale di storie come quella del malvagio Federico e quella del Moretto); d'altro canto, il più delle volte i fanciulli disubbidienti devono aspettarsi delle pene a dir poco tremende: rapimento, mutilazione o peggio.

Alcuni dei protagonisti finiscono per pagare con la vita le loro mancanze. È questo ad esempio il caso di Paolinetta (La storia tristissima degli zolfanelli): la bambina è sola in casa con i due gattini Minz e Maunz e non riesce a resistere alla tentazione di giocare con i fiammiferi. I due cercano quindi di avvisarla del pericolo alzando le zampette e ricordandole che si tratta di oggetti proibiti. Siccome però il loro avvertimento rimarrà inascoltato, il peggio sarà inevitabile; ai micetti non resterà altro che piangere la morte della padroncina bruciata e chinarsi davanti ai suoi resti: soltanto un paio di scarpette ed un mucchietto di cenere.

Simile l'epilogo della Storia di Gasparino che non mangia la minestra: Il bambino, dapprima grasso e pasciuto, si rifiuta di mangiare la minestrina e dimagrisce sempre di più. Dopo quattro giorni muore di fame ed avrà come pietra tombale una zuppiera.

Morale[modifica | modifica wikitesto]

Dato che Hoffmann era medico psichiatra e che aveva a che fare anche con pazienti in età infantile, la morale, sempre chiarissima, riguardava di solito i temi della salute e della sicurezza; le dieci storie formavano insieme un decalogo di insegnamenti del tipo: abbi cura del tuo corpo, non succhiarti il pollice, mangia sempre ciò che si trova sul piatto, non fare il birichino a tavola, sii sempre prudente, non giocare con i fiammiferi, non prendere in giro, ecc.

Le dieci filastrocche[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pierino Porcospino
  2. La storia del malvagio Federico
  3. La storia tristissima degli zolfanelli
  4. La storia del moretto
  5. La storia del fiero cacciatore
  6. La storia di Corrado succhia-pollici
  7. La storia di Gasparino che non mangia la minestra
  8. La storia di Filippo che balla sulla sedia
  9. La storia di Giannino Guardinaria
  10. La storia di Roberto che vola
  1. Der Struwwelpeter
  2. Die Geschichte vom bösen Friederich
  3. Die gar traurige Geschichte mit dem Feuerzeug
  4. Die Geschichte von den schwarzen Buben
  5. Die Geschichte vom wilden Jäger
  6. Die Geschichte vom Daumenlutscher
  7. Die Geschichte vom Suppen-Kaspar
  8. Die Geschichte vom Zappel-Philipp
  9. Die Geschichte vom Hanns Guck-in-die-Luft
  10. Die Geschichte vom fliegenden Robert

(Dalla traduzione di Sergio Stocchi.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E. Decleva, Ulrico Hoepli a Milano: l'attività libraria ed editoriale (1870-1935), in Idem (a cura di), Ulrico Hoepli, 1847-1935. Editore e libraio, Hoepli, Milano 2001, p. 45.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN181579369 · GND: (DE4099239-1 · BNF: (FRcb11939169w (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura