Phuntsog Namgyal II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Phuntsog Namgyal II
Chogyal del Sikkim
Stemma
In carica 17331780
Incoronazione 1733
Predecessore Gyurmed Namgyal Sikkim
Successore Tenzing Namgyal
Nascita Ang-nye-khi-sa, 1733
Morte Tumlong, 1780 (46-47 anni)
Dinastia Namgyal
Padre Gyurmed Namgyal
Madre una monaca di Sanga Cholling
Religione Buddhismo

Phuntsog Namgyal II (Ang-nye-khi-sa, 1733Tumlong, 1780) fu chogyal del Sikkim dal 1733 al 1780.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Phuntso II Namgyal nacque postumo a Ang-nye-khi-sa nel 1733, reputato figlio di Gyurmed Namgyal, chogyal del Sikkim, e di una monaca di Sanga Cholling, figlia di Neer-Gahden, della famiglia Tak-chhungtar family. Data questa sua particolare posizione al trono, la sua ascesa venne contestata e parallelamente si autoproclamò re Chandzod Tamding.

Educato a Lhasa, nel Tibet, venne formalmente consacrato come Chogyal al monastero di Yoksum. Egli regnò per i primi anni della propria vita con Rabden Sharpa. Durante il suo regno gran parte dei territori dello stato vennero persi a favore dell'espansionismo di Nepal e Bhutan. Egli stabilì la capitale a Tumlong.

Egli sposò in prime nozze Angel, figlia di Raden Sher-pa, il reggente. In seconde nozze sposò la figlia di Deba Shamsher Khiti Phukpa e in terze nozze la figlia di Pishti-Tergyen del Tibet.

Egli morì al palazzo reale di Tumlong Palace nel 1780.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie