Peter Jaroš

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Peter Jaroš (Hybe, 22 gennaio 1940) è uno scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e politico slovacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito di una famiglia di estrazione operaia, con il padre muratore e la madre casalinga molto indaffarata, frequentò la scuole elementare a Hybe, il ginnasio a Liptovský Hrádok e proseguì gli studi a Bratislava, alla facoltà di filosofia dell'Università Comenio, specializzandosi in slovacco e russo. Dopo aver terminato gli studi fu per breve tempo redattore dell'editore Mladé letá, nel 1965 divenne redattore del settimanale Kultúrny život, e in seguito lavorò fino al 1971 alla redazione letteraria della Radio cecoslovacca. Dal 1972 al 1977 lavorò come sceneggiatore, poi dal 1977 al 1980 come drammaturgo. Dal 1992 al 1994 fu deputato al Parlamento slovacco e anche corrispondente dell'enciclopedia inglese Who is who. È divenuto direttore artistico della Trigon Production. Vive a Bratislava.

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a dedicarsi alla letteratura fin dalla scuola superiore, quando pubblicava i suoi scritti sulle riviste Mladá tvorba e Slovenské pohľady. Si rivolgeva contemporaneamente alla poesia e alla prosa, ma finì con il dedicarsi interamente a quest'ultima e alla sceneggiatura di film e telefilm. Nelle sue opere si concentra per lo più su temi di vita quotidiana, con i suoi dettagli minuti e piccoli accadimenti, fra i quali predilige l'analisi dei rapporti (amore, amicizia), ma anche le domande sulla vita e sulla morte. La sua produzione si caratterizza anche per l'inclinazione verso il sentimentalismo, per l'atteggiamento grottesco e sarcastico verso i valori e i legami, ed è influenzata dall'esistenzialismo e dal Nouveau roman.

Prosa[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 – Popoludnie na terase, racconto
  • 1964 – Urob mi more, racconto
  • 1965 – Zdesenie, romanzo
  • 1966 – Váhy, romanzo in due parti
  • 1967 – Putovanie k nehybnosti, due prose
  • 1967 – Menuet, raccolta di racconti
  • 1969 – Návrat so sochou, raccolta di prose
  • 1970 – Krvaviny, raccolta di prose
  • 1971 – Pýr
  • 1972 – Orechy, antologia di prose ambientate in un villaggio
  • 1973 – Trojúsmevový miláčik, romanzo
  • 1974 – Pradeno, racconti
  • 1979 – Telo v herbári, raccolta di racconti
  • 1979 – Tisícročná včela, romanzo generazionale
  • 1982 – Parádny výlet, raccolta di prose
  • 1984 – Nemé ucho, hluché oko, romanzo; completo rifacimento del romanzo Tisícročná včela
  • 1988 – Lásky hmat, romanzo sociale
  • 1990 – Psy sa ženia, romanzo
  • 1990 – Rosa, selezione di racconti
  • 1991 – Milodar slučka, romanzo
  • 1991 – Biela pani, mŕtvy pán
  • 2003 – Váhy. Putovanie k nehybnosti, nuova edizione dei due romanzi del 1966 e del 1967

Letteratura per ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1971 – Až dobehneš psa, libro di pensieri per la prima infanzia

Drammi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968 – Splynutie, dramma radiofonico
  • 1969 – Kráľovstvo Chimenéza, dramma radiofonico
  • 1971 – Skrývačka, dramma radiofonico
  • 1973 – Omyl, dramma radiofonico
  • 1974 – Hlboko v zeleni, dramma radiofonico
  • 1974 – Červený spln, dramma radiofonico

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

  • 1973 – Deň slnovratu
  • 1974 – Tetované časom, film
  • 1975 – Studené podnebie, telefilm
  • 1976 – Pacho, hybský zbojník, film
  • 1978 – Sneh pod nohami, film
  • 1983 – Tisícročná včela, film
  • 1993 – Jánošík
  • 1995 – Lady Dracula alias Báthory story

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Ľudovít Štúr di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Ľudovít Štúr di II classe
— 2000
Controllo di autoritàVIAF (EN12376625 · ISNI (EN0000 0001 0870 4959 · LCCN (ENn80110097 · BNF (FRcb12315677m (data)