Peter Frederick Strawson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Frederick Strawson (Londra, 23 novembre 1919Londra, 13 febbraio 2006) è stato un filosofo inglese, tra i massimi esponenti della filosofia analitica.

Nominato lecturer all'University College, Oxford, nel 1947, è stato tutorial fellow dal 1948 al 1968 e quindi Waynflete Professor of Metaphysical Philosophy presso la University of Oxford (Magdalen College) sino al 1987. Di particolare importanza è il suo articolo "On Referring", pubblicato sulla rivista Mind nel 1950, in cui mette in discussione la teoria delle descrizioni di Bertrand Russell, esposta nel celebre articolo "On Denoting" del 1905.

Strawson discute la famosa proposizione "L'attuale re di Francia è calvo", che Russell aveva giudicato sensata ma falsa: secondo Strawson questa proposizione è naturalmente sensata, ma non è falsa, perché non include la proposizione esistenziale "l'attuale re di Francia non esiste", come invece aveva affermato Russell. Secondo Strawson infatti è necessario distinguere tra proposizione e uso di una proposizione, cioè asserzione: solo un'asserzione è vera o falsa. Una proposizione non dipende, per essere considerata vera o falsa, dal riferimento, ma da regole logiche. Il filosofo inglese ha inoltre contrapposto la sua concezione performativa della Verità alla concezione della verità come corrispondenza (la Teoria corrispondentista della verità). Strawson è inoltre celebre per avere fatto conoscere analiticamente in Gran Bretagna la filosofia di Immanuel Kant, distaccandola dalla interpretazione neoidealistica di filosofi come Francis Bradley e di John Mc Taggart, che tendevano a considerarla come una propedeutica alle metafisiche di Fichte, Schelling e Hegel. Questa interpretazione metafisica trascendentale del criticismo kantiano aveva avuto il suo inizio con la celebre opera The Secret of Hegel pubblicata da James Hutchison Stirling nel 1865. Strawson ha dimostrato invece che la filosofia di Kant costituisce un approfondimento delle tematiche epistemologiche, relative al rapporto tra esperienza, conoscenza e scienza, analizzate da John Locke, ma trattate sistematicamente soprattutto da David Hume. Un Kant sulle "orme " di Hume è stato così imposto da Strawson nell'ambiente oxoniense e britannico in generale. Questa nuova interpretazione anti-idealistica di Strawson era anche in contrasto con l'interpretazione di Russell, che aveva considerato Kant un filosofo legato ad una impostazione razionalista sostanzialmente pre-humiana, nonostante che Kant stesso avesse affermato nei "Prolegomeni ad ogni metafisica futura che vorrà presentarsi come scienza"di "essere stato svegliato dal sonno dogmatico"proprio dalla filosofia di Hume. Strawson fu peraltro autore di importanti scritti su Kant: tra questi si segnala "The Bounds of Sense. An Essay on Kant's Critique of Pure Reason" del 1966, tradotto in italiano come "Saggio sulla Critica della ragion pura di Kant" nel 1985. Strawson si è occupato anche di logica, filosofia del linguaggio e metafisica. Particolarmente nota e influente è la sua distinzione, presente nella sua opera più significativa Individuals (tr. it. Individui) del 1959, tra: "metafisica descrittiva" e "metafisica correttiva". La prima si occuperebbe di «descrivere l'effettiva struttura del nostro pensare sul mondo»; la seconda di «produrre una struttura migliore» (Individuals, introduzione). Per quanto riguarda la propria filosofia, Strawson la caratterizza come "metafisica descritiva" .

Riguardo al problema morale, Strawson fu uno strenuo difensore della libertà dell'uomo considerato come agente morale; la sua concezione è compatibilista: anche in presenza di un assoluto determinismo il filosofo inglese pensa che si possa parlare di libertà, tenendo però distinti i due piani della natura e della responsabilità pratica. Dal punto di vista politico, Strawson era un convinto liberale: in questo senso celeberrimo fu come si era autodefinito ("Elitist liberal bourgeois") in una conferenza tenuta a Belgrado nel 1977, quando la città era la capitale della Jugoslavia comunista di Tito. Per tutta risposta uno dei suoi ascoltatori rispose che " lo avrebbe invidiato".[1]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Introduction to Logical Theory, 1952. Trad. it. Introduzione alla teoria logica, Einaudi, Torino 1961
  • Individuals: An Essay in Descriptive Metaphysics, 1959. Trad. it. Individui. Saggio di metafisica descrittiva, Feltrinelli-Bocca, Milano 1978
  • The Bounds of Sense: An Essay on Kant's Critique of Pure Reason, 1966. Trad. it. Saggio sulla Critica della ragion pura di Kant, Laterza, Roma-Bari 1985
  • Logico-Linguistic Papers, 1971
  • Freedom and Resentment and other Essays, 1974
  • Subject and Predicate in Logic and Grammar, 1974
  • Skepticism and Naturalism: Some Varieties, 1985
  • Analysis and Metaphysics, 1992
  • Entity and Identity, 1997

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberta Corvi, La filosofia di P. F. Strawson, Vita e Pensiero, Milano, 1979.
  • Lewis Edwin Hahn (ed.), The Philosophy of P.F. Strawson, Library of Living Philosophers, Vol. 26, Chicago, Open Court, 1998.
  • Emanuele Riverso, Riferimento e struttura. Il problema logico-analitico e l'opera di Strawson, Armando, Roma 1977.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Guardian, 14 febbraio 2006: "Frederick Strawson obituary".
Controllo di autorità VIAF: (EN51696277 · LCCN: (ENn80030830 · ISNI: (EN0000 0001 0857 4082 · GND: (DE118619128 · BNF: (FRcb11925650p (data) · BAV: ADV12662552
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie