Pentoo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pentoo
Pentoo-screen.png
SviluppatoreGrimmlin (Michael Zanetta - founder), Zero_Chaos (Rick Farina), blshkv (Anton Bolshakov), Wuodan (Stefan Kuhn), Jensp (Jens Pranaitis)
Famiglia SOUnix-like
Release iniziale (22 Giugno 2005)
Release corrente2015.0 RC4.6 (2 Dicembre 2015)
Tipo di kernelModulare
Piattaforme supportateIA-32, x86-64
Interfacce graficheXfce4 WM da LiveCD, varie
LicenzaFree software licenses (GPL principale)
Stadio di sviluppoattivo
Sito webwww.pentoo.ch

Pentoo è una distribuzione linux Live CD e USB Live progettata per i test di penetrazione e valutazione della sicurezza. Basato su Gentoo Linux, Pentoo è fornita sia come CD live che per le architetture a 32 e 64 bit. Pentoo è inoltre disponibile come overlay[1] per un'installazione esistente di Gentoo. È dotata di iniezioni di pacchetti composti come driver wifi, GPGPU software di cracking e un sacco di strumenti per i test di penetrazione e valutazione della sicurezza. Il kernel di Pentoo comprende la graffatura e la PAX rafforzata e patch aggiunte - con binari compilati da un toolchain rafforzato con le ultime versioni 'notturne' di alcuni strumenti disponibili.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Disponibile nelle versioni a 32 e 64 bit, quest'ultima ha un aumento significativo della velocità rispettivo a quella di 32 bit Include l'ambiente richiesto per crackare le password utilizzando GPGPU con openCL e CUDA configurati 'out of the box'. Costruito su linux rafforzato, include un kernel rafforzato e toolchain. Utilizza una sovrapposizione Pentoo, che consente di creare strumenti in cima a una generazione standard di Gentoo. Anche se l'ultima versione ufficiale è stata 2009.0, ci sono ancora regole e aggiornamenti per l'overlay per mantenere aggiornata la distribuzione. L'aggiornamento: 2012.0 era stato ufficialmente pubblicato il 30 luglio 2012. Supporta la crittografia a disco completo con LUK se installato su HDD.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Overlay usage, su code.google.com. URL consultato l'8 gennaio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]