Pedro Chacón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pedro Chacón

Pedro Chacón (Toledo, 1526Roma, 1581) è stato un matematico e teologo spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Detenne la cattedra di greco all'Università di Salamanca, dove, tra i documenti della biblioteca, si trovano sue pubblicazioni risalenti al 1569. Conobbe El Greco.

A Salamanca formò parte del gruppo di professori a cui appartenevano Francisco de Salinas, Luis de León e, in generale, tutta la Scuola di Salamanca.

Nel 1572 si trasferì a Roma, dove fu chiamato dal papa Gregorio XIII per studiare, come matematico, la riforma del calendario giuliano. A Roma si dedicò inoltre allo studio delle fonti classiche.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Frontespizio del De triclinio sive de modo convivandi apud priscos Romanos. Amsterdam: Andreas Frisius, 1664.
  • (LA) Kalendarii Romani veteris Julii Cœsaris aetate marmori incisi explanatio.
  • (LA) Tractatus de Ponderibus et Mensuris M. S.
  • (LA) De Nummis libri III.
  • (LA) Commentaria de Nummis tam Grœcorum et Latinorum quam Hispanorum et Italorum.
  • (LA) In Decretum Gratiani correctiones.
  • (LA) In S. Hieronymum, S. Hilarium, et S. Ambrosium Nota quœdam.
  • (LA) De Triclinio sive de Modo convivandi apud prisco Romanos… accedit Fulvi Ursini Appendix, & Hier. Mercurialis, De accubitus in cena antiquorum origine dissertatio. Amsterdam: Andreas Frisius, 1664. Amsterdam, Henry Wetstein, 1689. Il Triclinium è uno dei suoi scritti da cui acquistò maggiore fama; esso tratta di vari aspetti dei pasti dei romani sotto varie sfaccettature: le vivande, le bibite e in particolare i vini, gli invitati, il modo di preparare il tavolo, la musica, ecc.
  • (ES) Chacón, Pedro. Historia de la Universidad de Salamanca hecha por el Maestro Pedro Chacón. Trascrizione e commenti a cura di Ana María Carabias Torres, Salamanca: Ediciones Universidad de Salamanca, 1990.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73950642 · ISNI (EN0000 0001 1475 0759 · BAV 495/6883 · CERL cnp01345049 · LCCN (ENn87921712 · GND (DE124286712 · BNE (ESXX885839 (data) · BNF (FRcb12462083c (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87921712