Paul Kalkbrenner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paul Kalkbrenner (Lipsia, 11 giugno 1977) è un artista, disc jockey e attore tedesco.

Paul Kalkbrenner
Paul Kalkbrenner at Alte Diamantbrauerei.jpg
Paul Kalkbrenner a Magdeburgo nel 2007.
NazionalitàGermania Germania
GenereTechno
Periodo di attività musicale1999 – in attività
EtichettaBPitch Control, Paul Kalkbrenner Musik
Album pubblicati9
Sito ufficiale

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Lipsia, cresce a Lichtenberg, Berlino[1], situata nella parte est della città prima della caduta del Muro di Berlino, ed è qui che inizia a suonare già nella prima metà degli anni '90 nei club giovanili di Berlino, interessandosi alla musica techno insieme con il suo amico Sascha Funke. Grandi ammiratori della band Underground Resistance di Detroit, Kalkbrenner e Funke passano gli anni tra il 1992 e il 1997 alla ricerca delle migliori tracce techno dell'epoca[2]. Nel frattempo a scuola ha imparato a suonare la tromba e ha studiato teoria musicale[3]. Dal 1995, all'età di 18 anni, lavora per 2 anni da editore nell'industria televisiva per finanziare l'equipaggiamento necessario per produrre la sua musica[4]. Nel 1999 segue l'etichetta discografica BpitchControl, fondata da Ellen Allien. È proprio per questa che produce i suoi attuali otto dischi.

Nel 2008 è il protagonista di Berlin Calling, film di Hannes Stöhr, in cui egli interpreta il ruolo di un disc-jockey, Ickarus, che vive un periodo di crisi e declino dopo aver raggiunto la fama internazionale. Per questa pellicola, un cult del genere, Kalkbrenner produce l'intera colonna sonora, di cui pubblica un album nell'anno stesso.

Nel 2009 esce il suo più famoso singolo, estratto da Berlin Calling, "Sky and Sand".

Nel 2012 ha sposato la disk jockey rumena Simina Grigoriu.

Ha un fratello, Fritz Kalkbrenner, anche lui Dj professionista.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001: Superimpose (BPitch Control)
  • 2001: Zeit (BPitch Control)
  • 2004: Self (BPitch Control)
  • 2005: Maximalive (Minimaxima)
  • 2006: Reworks (BPitch Control)
  • 2008: Berlin Calling (BPitch Control)
  • 2011: Icke wieder (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2012: Guten Tag (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2014: X (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2015: 7 (Sony Music)
  • 2017: Back To The Future
  • 2018: Parts of life

Pezzi Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999: Paul dB+ – Largesse EP (Synaptic Waves)
  • 1999: Paul dB+ – Friedrichshain (BPitch Control)
  • 2000: Paul dB+ – Largesse Plus EP (Synaptic Waves)
  • 2000: Paul dB+ – Gigahertz (Cadeaux)
  • 2000: Paul Kalkbrenner – dB+ (BPitch Control)
  • 2001: Grenade – Performance Mode (Cadeaux)
  • 2001: Paul Kalkbrenner – Chrono (BPitch Control)
  • 2002: Paul Kalkbrenner – Brennt (BPitch Control)
  • 2003: Paul Kalkbrenner – Steinbeißer (BPitch Control)
  • 2003: Paul Kalkbrenner – F.FWD (BPitch Control)
  • 2004: Paul Kalkbrenner – Press On (BPitch Control)
  • 2005: Paul Kalkbrenner – Tatü-Tata (BPitch Control)
  • 2006: Paul Kalkbrenner – Keule (BPitch Control)
  • 2007: Paul Kalkbrenner – Altes Kamuffel (BPitch Control)
  • 2008: Paul Kalkbrenner – Bingo Bongo (BPitch Control)
  • 2009: Paul & Fritz Kalkbrenner – Sky and Sand (BPitch Control)
  • 2009: Paul Kalkbrenner – Berlin Calling Vol. 1 (BPitch Control)
  • 2009: Paul Kalkbrenner – Berlin Calling Vol. 2 (BPitch Control)
  • 2011: Paul Kalkbrenner – Jestrüpp (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2011: Paul Kalkbrenner – Böxig Leise (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2012: Paul Kalkbrenner – Das Gezabel (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2012: Paul Kalkbrenner – Der Stabsvörnern (Paul Kalkbrenner Musik)
  • 2015: Paul Kalkbrenner – Cloud rider
  • 2015: Paul Kalkbrenner – Mothertrucker
  • 2015: Paul Kalkbrenner – Feed Your Head

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Intervista a Paul Kalkbrenner, Partysan, 29 novembre 2013.
  2. ^ (EN) Paul Kalkbrenner, The World is Calling, Resident Advisor, 29 novembre 2013.
  3. ^ (EN) {title}, Bowery Presents. URL consultato il 6 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  4. ^ (EN) Biografia di Paul Kalkbrenner, Paul Kalkbrenner.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80205637 · ISNI (EN0000 0001 1679 1933 · LCCN (ENno2011037611 · GND (DE13547132X · BNF (FRcb14192028m (data)