Partito della Virtù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito della Virtù
Fazilet Partisi
Leader İsmail Alptekin (1998-2001)
Stato Turchia Turchia
Fondazione 1998
Dissoluzione 2001
Ideologia Islamismo
Conservatorismo

Il Partito della Virtù (in turco Fazilet Partisi) è stato un partito islamista fondato nel dicembre 1998 in Turchia. Il partito fu dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale turca e sciolto nel giugno 2001 sotto l'accusa di violare gli articoli della Costituzione che sanciscono la laicità dello Stato.

In seguito allo scioglimento, i parlamentari del partito della Virtù hanno dato vita a due diversi partiti: il riformista Partito per la Giustizia e lo Sviluppo e il tradizionalista Partito della Felicità.

I fondatori del Partito della Virtù erano stati in larga misura membri dei precedentemente disciolti Partito della Salvezza Nazionale (1972-1981) e del Partito del Benessere (1983-1998).

Esponente del Partito della Virtù fu Merve Kavakçı, parlamentare donna espulsa per aver indossato il velo islamico nella Grande Assemblea Nazionale, il parlamento monocamerale turco, in violazione del disposto legale kemalista.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENn00046602 · GND: (DE4829499-8