Pargev Martirosyan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pargev Martirosyan

Pargev Martirosyan (arm. Պարգև արքեպիսկոպոս Մարտիրոսյան; Sumqayıt, 20 marzo 1954) è un arcivescovo cristiano orientale armeno. È l'attuale Primate della Diocesi di Artsakh della Chiesa apostolica armena. Ha assunto tale posizione dal ristabilimento della diocesi nel 1989.

Primi anni di vita ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

Martirosyan è nato come 'Gurgen Martirosyan' nella città azera sovietica di Sumqayıt nel 1954 in una famiglia armena di Çardaqlı, distretto di Şəmkir. La sua famiglia si trasferì a Erevan nel 1966. Nel 1976 si laureò presso l'università statale di lingue. Martirosyan in seguito ha lavorato nella scuola di villaggio Yeghegnut come insegnante di lingua russa, dopo di che è stato arruolato nell'esercito sovietico. Dal 1978 al 1980 ha lavorato presso il Ministero dell'Industria. Nel 1980 Martirosyan fu ammesso al seminario Teologico Gevorkiano di Echmiadzin. È stato ordinato diacono nel 1983. Ha terminato il seminario nel 1984 e ha proseguito gli studi presso l'Accademia teologica di Leningrado fino al 1986.

Carriera religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 fu ordinato sacerdote celibe e di nome Pargev. Nell'aprile del 1987 è stato nominato vardapet. Ha insegnato al Seminario teologico di Echmiadzin. Nel 1987 ha conseguito il dottorato in teologia presso l'Accademia teologica di Leningrado. Lo stesso anno ha iniziato a prestare servizio presso la chiesa di Santa Ripsima. Nel novembre 1988 fu consacrato vescovo dal Catholikos Vazgen I. Nel marzo 1989, è stato nominato il primate della nuova diocesi di Artsakh. Nel 1999 gli è stato conferito il titolo di arcivescovo da Karekin I.[1]

Guerra del Karabakh[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Nagorno Karabakh.

Pargev Martirosyan fu nel Karabakh durante la guerra con l'Azerbaigian, che terminò nel 1994. Le forze armene segnarono la loro prima grande vittoria l'8-9 maggio 1992, quando presero il controllo di Shushi. L'arcivescovo Pargev benedisse i soldati armeni prima dell'inizio dell'operazione. La mattina del 9 maggio 1992 l'arcivescovo Pargev con un certo numero di soldati armeni entrò nella Cattedrale di Ghazanchetsots a Shushi, dove pregarono per i soldati caduti. Era la prima volta dal pogrom del 1920 che una preghiera veniva recitata nella cattedrale. Subito dopo la cattura della città, iniziarono i lavori di restauro della cattedrale che in precedenza era stata utilizzata dagli azeri come un arsenale.[2]

Lavori e attività[modifica | modifica wikitesto]

L'arcivescovo Pargev Martirosyan è autore di tre libri e numerosi articoli e saggi; è cintura nera classificata 1ª dan in shotokan karate ed è il presidente onorario della Federazione di Karate Shotokan dell'Armenia. Gli è stato conferito il titolo onorifico più alto di Eroe di Artsakh.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN281831637 · ISNI (EN0000 0003 8859 7333 · WorldCat Identities (ENviaf-281831637