Parco nazionale di Tumucumaque

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco nazionale di Tumucumaque
Parque Nacional Montanhas do Tumucumaque
Oyapock maripa falls tree.jpg
Il fiume Oiapoque
Tipo di areaparco nazionale
Codice WDPA351784
Class. internaz.II
StatoBrasile Brasile
Stato federatoAmapá Amapá; Pará Pará
Superficie a terra38.867 km²
Provvedimenti istitutivi22-08-2002
GestoreInst. Chico Mendes para Biodiversidade
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Brasile
Parco nazionale di Tumucumaque
Parco nazionale di Tumucumaque
Sito istituzionale

Coordinate: 1°49′59.99″N 54°00′00″W / 1.83333°N 54°W1.83333; -54

Il parco nazionale di Tumucumaque (in portoghese Parque Nacional Montanhas do Tumucumaque) è il più grande parco nazionale del Brasile e l'area di foresta tropicale protetta più grande al mondo. Il parco è stato istituito nel 2002 a seguito dell'iniziativa ARPA (Programma per la protezione dell'Area Amazzonica) che si propone di porre sotto protezione il 12% della foresta amazzonica entro il 2016.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua indigena Apalaì e Wayana Tumucumaque significa “la roccia sulla cima della montagna”. Il parco è ubicato nel nord dello Stato di Amapá, al confine con la Guyana Francese e il Suriname. L'area protetta continua oltre il confine della Guyana francese nel parco Amazzonico della Guyana Francese. I due parchi nazionali coprono una superficie di oltre 59.000 km². A ovest del parco brasiliano si estende il parco indigeno Tumucumaque e a sud l'area indigena Waiapi. L'area del parco copre pianure alluvionali e il territorio montuoso della Serra di Tumucumaque che raggiunge i 607 metri altezza e a est la Serra Lombarda. Il fiume maggiore che interessa il parco è lo Jari che ne delimita il confine orientale. Nel parco nasce il fiume Oyapock chr segna buona parte del confine internazionale tra il Brasile e la Guyana francese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Philips Guides - Brazil National Parks - Horizonte Geografico, 2003