Paradoxides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paradoxides
Paradoxides davidis.jpg
Paradoxides davidis
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Classe Trilobita
Ordine Redlichiida
Famiglia Paradoxididae
Genere Paradoxides

Il paradosside (gen. Paradoxides) è un artropode estinto appartenente ai trilobiti. Visse principalmente nel Cambriano medio (circa 505 milioni di anni fa) e rappresenta uno dei trilobiti più primitivi. I suoi fossili sono stati ritrovati in Europa, Africa del Nord e Nordamerica (regione degli Appalachi).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale fu uno dei primi trilobiti a raggiungere dimensioni ragguardevoli; molti esemplari erano lunghi una ventina di centimetri, e alcuni rari fossili testimoniano l'esistenza di animali lunghi quasi mezzo metro. La maggior parte degli esemplari, però, era lunga circa dieci centimetri. Il cephalon era piuttosto ingrossato, e la struttura centrale (glabella) era globulare e solcata da striature notevoli. Gli occhi erano arretrati rispetto alla glabella; ai lati del cephalon erano presenti due strutture (spine genali) lunghe e robuste, che si proiettavano all'indietro. Il torace era costituito da un numero di segmenti variabili da 16 a 21, e i lobi esterni (pleure) terminavano in spine orientate obliquamente all'indietro. Queste spine erano più allungate nella parte posteriore, e le ultime due oltrepassavano il margine posteriore del pigidio, che era spinoso anch'esso e di piccole dimensioni.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il paradosside è un tipico rappresentante dell'ordine Redlichiida, il gruppo più antico e primitivo di trilobiti. La famiglia Paradoxididae è probabilmente derivata da quella degli Olenellidae, caratterizzata generalmente da animali di dimensioni più ridotte (come Olenellus).

Indicatore paleogeografico[modifica | modifica wikitesto]

I fossili di paradosside sono importanti indicatori paleogeografici, in quanto si rinvengono esclusivamente in territori appartenuti a un'antica provincia faunistica del Cambriano medio, nota come Provincia nordatlantica. Tra le specie più note di paradosside, da ricordare Paradoxides gracilis della Boemia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. W. Salter (1863). On the Discovery of Paradoxides in Britain (abstract). Quarterly Journal of the Geological Society 19 (1-2): 274–277. doi:10.1144/GSL.JGS.1863.019.01-02.28 (inactive 2008-06-23).*
  • Hagadorn, J.W. (2002). "Burgess Shale-type Localities: The global picture", in Bottjer, D.J., W. Etter, J.W. Hagadorn & C.M. Tang, eds: Exceptional Fossil Preservation -- A Unique View on the Evolution of Marine Life. Columbia University Press. ISBN 0-231-10254-2.
  • Greg Edgecombe and the Australian Museum. "Australian Trilobites: A Species List and Bibliography". Retrieved on August 23, 2005.
  • Sam Gon III. "A guide to the Orders of Trilobites". Retrieved on August 23, 2005.
  • Nedin, C. (1995). "The Emu Bay Shale, a Lower Cambrian fossil Lagerstätte, Kangaroo Island, South Australia". Memoirs of the Association of Australasian Palaeontologists 18: 31-40.
  • Simpson, Dave. "Trilobites of South Australia". Retrieved on August 23, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]