Palazzo Liechtenstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Liechtenstein
Stadtpalais Liechtenstein
Wien Stadtpalais Liechtenstein.jpg
Ubicazione
StatoAustria Austria
LandFlag of Vienna.svgViennese
LocalitàVienna
IndirizzoBankgasse
Coordinate48°12′35.64″N 16°21′45.36″E / 48.2099°N 16.3626°E48.2099; 16.3626Coordinate: 48°12′35.64″N 16°21′45.36″E / 48.2099°N 16.3626°E48.2099; 16.3626
Informazioni
CondizioniIn uso
Costruzione1692-1705
StileBarocco
Usosede delLiechtenstein Museum
Realizzazione
ArchitettoDomenico Martinelli
Proprietario storicoprincipi von Liechtenstein

Il palazzo Liechtenstein (in austriaco Stadtpalais Liechtenstein) è un edificio di Vienna.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il salone da ballo
Il palazzo in un acquarello del 1903

Venne costruito su progetto dell'architetto lucchese Domenico Martinelli, che, giunto a Vienna nel 1690, fu incaricato di progettare la residenza della famiglia Von Liechtenstein. L'edificio, ispirato al palazzo Chigi-Odescalchi di Gian Lorenzo Bernini, rappresenta una delle migliori realizzazioni dell'architettura barocca austriaca e venne eseguito fra il 1692 e il 1705 con l'ausilio dello svizzero Gabriele de Gabrieli e A. Riva.

Sulla facciata in Bankgasse, Martinelli vi realizzò il primo portale barocco monumentale di Vienna. Il portale, che dà su Minoritenplatz con la relativa scalinata, è da associare a Johann Lucas von Hildebrandt. Le strutture scultoree dei portali, sull'attico e all'interno si devono al veneziano Giovanni Giuliani; gli stucchi sono di Santino Bussi.

Lo scalone principale venne realizzato in pietra nel 1699 dai maestri viennesi Michael Khöll e Wolfgang Steinböck.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Norberg-Schulz, Architettura Barocca, Martellago (Venezia) 1998.
  • (DE) Christian Witt-Dörring: Eine Art Offenbarung. Die Neugestaltung der Innenräume des Stadtpalastes Liechtenstein (1837–1848). Da: Kunstmagazin Parnass. Wien, Ed. Heft, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN172701293 · GND: (DE7593220-9