One Little Indian Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
One Little Indian Records
Stato Regno Unito Regno Unito
Fondazione 1985
Settore Musicale
Sito web

La One Little Indian Records è un'etichetta discografica indipendente britannica, con sede a Londra, fondata nel 1985.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La One Little Indian Records è nata per iniziativa dei membri di alcuni gruppi anarcho punk sulle ceneri dell'etichetta punk Spiderleg Records. I primi successi vennero nel 1986 con il duo A.R. Kane e i Flux of Pink Indians. Altri gruppi, in seguito, pubblicarono dischi con la One Little Indian: Kitchens of Distinction, The Sugarcubes, Sneaker Pimps, The Shamen, Skunk Anansie, Björk, Chumbawamba e Alabama 3.[1]

Nel 2009, dopo 45 anni, Paul McCartney ha chiuso il rapporto con la EMI, trasferendo tutti i diritti sulle sue produzioni da solista alla One Little Indian.[2] L'etichetta cura, inoltre, la distribuzione di album di artisti di altri paesi, come, ad esempio, gli italiani Afterhours.[3]

Artisti (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) About us, indian.web.ci-net.com. URL consultato il 1 agosto 2009.
  2. ^ (EN) McCartney Moves His Music Catalog to New Label, macca-central.com. URL consultato il 1 agosto 2009.
  3. ^ (EN) Artists, indian.web.ci-net.com. URL consultato il 1 agosto 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk