Ogigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ogigo
Nome orig.Ὠγύγης
SessoMaschio
ProfessioneRe

Ogigo (in greco antico: Ὠγύγης) oppure Ogige (in greco antico: Ὤγυγος) è un personaggio della mitologia greca, di antichissime origini è probabilmente un autoctono della Beozia che fu considerato un re delle terre della Beozia quando la città di Tebe non era ancora stata fondata e quando le terre circonanti ad essa erano inabitatate[1].

Secondo altre tradizioni fu un re dell'Attica.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Anche le storie della sua discendenza sono molto diverse e se a volte viene considerato un figlio di Poseidone, per altri è invece un figlio di Beoto o di Cadmo mentre Teofilo di Antiochia nell'Apologia ad Autolico scrive che sia stato uno dei Titani.

Eusebio di Cesarea nei suoi scritti cita la Chronographia di Africanus e stima l'esistenza Ogigio ai tempi dell'Esodo degli Ebrei dall'Egitto[2].

Fu il marito di Tebe (probabilmente l'Eponimo della stessa città di Tebe) e padre dei maschi Eleusi (eponimo dell'antica citta di Eleusi) e di Cadmo (che come citato sopra potrebbe invece essere il padre e che è considerato l'eponimo della Cadmea) e delle femmine Alalcomenea, Aulide e Telsinia (o Delcinia), quest'ultime definite anche Prassidiche, nutrici di Atena e dispensatrici della "giusta punizione"[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca