Nostrale di Rigali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nostrale di Rigali
Nostrale di Rigali - Albero 3.jpg
Albero con sotto la rete stesa per la raccolta
SinonimiRigalese
RegioneUmbria
Caratteri botanici e agronomici
Attitudineolio
Portamentosemipendulo
Foglialanceolata verde
Autofertilitàno
Caratteristiche dei frutti
Peso medio3,5-5 grammi
Formaellissoidale
Simmetrialeggermente asimmetrico
Colore a maturazionebruno-nero
Umbonetalvolta, piccolo
Epicarpoleggermente pruinoso con lenticelle
Endocarpoellissoidale, leggermente asimmetrico e rugoso
Resistenza
Alla moscamedio bassa
All'occhio di pavonebassa
Alla rognamedia
Alla Tignolabassa
Al freddoalta
Alla siccitàmedio alta

La Nostrale di Rigali, è una cultivar di olivo umbra.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Rami con foglie e olive, e drupe in dettaglio

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Originario dell'omonima frazione di Gualdo Tadino, comune sull'appennino umbro-marchigiano, è noto per l'alta resistenza a freddo e gelate. Per il resto è albero di discreta vigoria, con chioma di ampia e folta, è ben impollinato dalla cultivar orbetana detta anche Raggio (ogni due nostrale 1 orbetana che oltre a impollinare arricchisce la qualità organolettica dell'olio: fruttato medio intenso e amaro); è adatta alla raccolta meccanica. La spiccata sensibilità alla mosca olearia può essere attenuata nel caso di impianti ad altitudine elevata (max 800m). Da alcuni anni è introdotta anche nel nord Italia grazie alla sua resistenza al freddo, tuttavia viene colpita continuamente dall'occhio di pavone a causa delle lunghe piogge autunnali tipiche del clima cisalpino.

Va segnalata la sensibilità alla erinosi da acari dell'olivo. I sintomi sono: foglie giovani deformate con macchie brune sulla pagina inferiore, foglie vecchie con pagina superiore a buccia d'arancia. Caduta delle mignole anticipata e deformazione dei frutti. L'erinosi è una patologia grave in grado di compromettere totalmente il raccolto ma se trascurata la vita della pianta in quanto può portare a virosi. Da segnalare che oltre allo zolfo non esiste alcuna sostanza registrata su olivo in grado di debellare l'acaro ma il polsolfuro di calcio ha, da recenti prove in campo, debellato totalmente la malattia.

Fiori e frutti[modifica | modifica wikitesto]

L'infiorescenza è nella media sia in lunghezza che per numero di mignole; l'aborto ovarico è elevatissimo (80%).

Produzione e olio[modifica | modifica wikitesto]

Entra in produzione precocemente; ha una produttività media e costante, con abbondante contenuto in olio (23-26%). Quest'ultimo è a bassa acidità, ricco in polifenoli e di colore giallo-verde; al gusto è delicato, fruttato, dolce con sentore di piccante.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'oro verde gualdese, in madeingualdo.it, dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]