Spazio unificatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Non breaking space)

Lo spazio unificatore[1] (detto anche spazio indivisibile o spazio insecabile, in inglese non-breaking space, NBSP, "spazio indivisibile") è un carattere spazio speciale usato dagli elaboratori di testo che impedisce di mandare a capo automaticamente le linee (in inglese line wraps) nella posizione dove è presente. Può anche essere usato per avere spazi multipli in una riga in sistemi simili al HTML che riducono le sequenze di spazi normali a uno spazio singolo. Uno spazio unificatore (detto anche hard space o fixed space) su un PC viene comunemente inserito tenendo premuto l'ALT e digitando 0160 sul tastierino numerico oppure ALT 255 (in alcuni applicativi può anche venir usato CTRL+SHIFT+SPACE).

La differenza tra un NBSP e uno spazio normale è che quando una stringa che include il NBSP si trova alla fine della linea ed è troppo lunga per andare bene, si sposterà l'intera stringa alla linea successiva (incluse le stringhe presenti a destra e sinistra del NBSP). Questo è simile a come le stringhe normali vanno a capo. Per esempio, la stringa "precipitevolissimevolmente" non verrà spezzata mai e neanche la stringa "preci pitevo lissimevol mente" (ovvero "preci pitevo lissimevol mente").

Codifiche[modifica | modifica sorgente]

  • In Unicode lo spazio unificatore è il carattere U+00A0, chiamato No-Break Space.
  • In ISO/IEC 8859 è indicato dal carattere 0xA0.
  • In KOI8-R è indicato dal carattere 0x9A.
  • In EBCDIC è indicato dal carattere 0x41.
  • In alcune versioni dell'ASCII esteso, il carattere 255 (0xFF) vale come uno spazio unificatore.
  • In HTML, si può inserire utilizzando l'entità  , oltre che tramite il codice Unicode (  ed anche  ).
  • In TeX, la tilde (~) viene usata per indicare lo spazio unificatore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda per esempio il menù dei prodotti Adobe.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica