Niphargus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Niphargus
Niphargus ictus.jpg
Niphargus ictus
Grotte di Frasassi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Ordine Amphipoda
Sottordine Gammaridea
Famiglia Niphargidae
Genere Niphargus
Schiødte, 1849
Serie tipo
Niphargus stygius
Schiødte, 1849
Specie

vedi testo

Niphargus Schiødte, 1849 è un genere di piccoli crostacei ipogei (che vivono nelle grotte e nelle falde acquifere), simili nell'aspetto ai gamberetti, diffusi in Eurasia.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Come la gran parte degli organismi troglobi i crostacei del genere Niphargus sono privi di occhi e di colore bianco.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale del genere si estende in Europa, dalla penisola iberica a ovest e dalla Gran Bretagna a nord, sino all'Asia Minore e al Medio Oriente.[3] L'Italia, con oltre 60 differenti specie note, è uno dei centri di maggiore biodiversità.

Molte delle specie del genere Niphargus sono endemismi con areale molto ristretto, addirittura a singole grotte, come ad esempio Niphargus costozzae, endemica dei Covoli di Costozza, nei Colli Berici, descritta per la prima volta nel XX secolo da Schellenberg.[4]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[3][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lowry J (2013), Niphargus Schiödte, 1849, in WoRMS (World Register of Marine Species).
  2. ^ Ginet R, Ecologie, éthologie et biologie de Niphargus (Amphipodes Gammaridés hypogés), in Annales de Spéléologie, vol. 15, 1960, pp. 129-376.
  3. ^ a b c d Karaman GS, Borowsky B, Dattagupta S, Two new species of the genus Niphargus Schiodte, 1849 (Amphipoda, fam. Niphargidae) from the Frasassi cave system in Central Italy (PDF), in Zootaxa, vol. 2439, 2010, pp. 35–52.
  4. ^ Schellenberg G. Beiträge zur Biologie des Glatzer Schneeberges (1935), Breslavia, pp. 72-75
  5. ^ Cene Fišer, Peter Trontelj and Boris Sket, A full list of known taxa, su Niphargus. URL consultato il 30 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi