Nicaise de Keyser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicaise de Keyser

Nicaise de Keyser (Zandvliet, 26 agosto 1813Anversa, 17 luglio 1887) è stato un pittore belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Joseph Jacobs, che ne scoprì il talento e lo introdusse all'Accademia di Belle arti, e di van Bree ad Anversa. Nel 1839 fece un viaggio di istruzione in Italia. Il 6 ottobre 1840 sposò la pittrice di genere Isabella Telghuys.

Nel 1855 divenne direttore dell'Accademia di Belle Arti di Anversa, succedendo a Gustave Wappers. Numerosi furono i suoi allievi, tra i quali Émile Claus, Joseph Lies, Aloïs Boudry, Matthijs Maris e Florent Claes.

Nel 1873 fu insignito dell'onorificenza prussiana Pour le Mérite.

Agli inizi Keyser si dedicò a soggetti religiosi, ma ben presto passò a rappresentare episodi della storia del suo Paese. Divenne infine un ritrattista assai apprezzato e richiesto, specie da personaggi di alto rango, pur rimanendo un valido artista nella pittura storica.

Grande merito e successo gli recò il famoso quadro La battaglia degli speroni d'oro, da cui probabilmente lo scrittore Hendrik Conscience trasse ispirazione per il suo romanzo Il leone delle Fiandre.

Keyser morì ad Anversa, dove aveva sempre vissuto, nel 1887, a 74 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Anversa, Musée royal des Beaux-Arts, serie di quadri dedicata alla gloria della Scuola di Anversa:
    • Figure allégorique de la ville d'Anvers entourée d'artistes du gothique à la Renaissance, composizione centrale circondata da otto piccole scene di artisti di Anversa[1]: Raphaël et Barend van Orley, Jean van Eyck e Roger Rogier van der Weyden, Bartholomeus Spranger à Vienne, Antoon van Dyck à Londres, Gérard Edelinck à Paris, Artus Quellinus à Amsterdam, Denis Calvaert à Bologne, Matthias et Paul Bril à Rome.
    • Peintres et graveurs, su ambo i lati: L'Installation de l'Académie, Rubens dans son atelier.
    • Peintres et sculpteurs, sui due lati: La Visite d'Albrecht Durer à Quentin Metjis, Cornelis Floris de Vriendt montrant les plans de l'hôtel de ville.
    • Charles V délivre les esclaves de Tunis.
  • Bruxelles, Museo reale d'arte moderna (Musées royaux des beaux-arts de Belgique):
    • Portrait de Louise-Caroline-Françoise van Campenhout, 1847
    • Moine consolant un prisonnier, acquarello su cartone, 1839
  • Douai, Museo della Chartreuse di Douai
    • Portrait de Sir Henry Berthoud, (1804-1891), 1840
  • Nizza, Museo di Belle arti, serie di quattro grandi composizioni lasciate al museo da Ernest Gambart, nel 1902.
    • Les Artistes de l'Antiquité, 1878.
    • Les Écoles du Midi: Italie et Espagne, 1876.
    • Les Écoles du Nord: Flandres, Hollande, France et Angleterre, 1876.
    • Écoles du XIX siècle[2], 1878.

Le opere più note[modifica | modifica wikitesto]

  • La visita di Durer à Quentin Metjis, Museo reale di Belle arti, Anversa
  • Ritratto di Louise-Caroline-Françoise van Campenhout, (olio su tela, 175,5 x 106 cm) 1847, Museo reale d'arte moderna, Bruxelles
  • Un monaco consola un prigioniero, (acquarello su cartone, 41,2 x 30,2 cm) 1839, Museo reale d'arte moderna, Bruxelles
  • Ritratto di Henry Berthoud, (olio su tela, 28,5 x 20 cm) 1840, Museo della Chartreuse, Douai
  • Gli artisti dell'antichità, (olio su tela, 283 x 404 cm) 1878, Museo di Belle arti, Nizza

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'ortografia dei nomi propri è quella data da una pubblicazione (in olandese) del museo.
  2. ^ Fra i 23 pittori, Nicaise de Keyser rappresentò anche se stesso fra Ingres e Delacroix.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean Forneris, Une commande "niçoise" au belge Nicaise de Keyser, Les Peintres des Grandes Écoles de la collection Ernest Gambart, catalogo della mostra tenutasi a Nizza nel Museo di Belle arti, nel 1997.
  • Henri Hymans, Notice sur la vie et les travaux de N. de Keyser, Bruxelles, 1889.
  • Laurent Stevens, Bravo Toro: souvenir d'une course de taureaux à Madrid: La peinture tauromachique de Nicaise de Keyser, Annales d'histoire de l'art et d'archéologie (Université Libre de Bruxelles), vol.32, 2010, p93-112.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34728648 · ISNI (EN0000 0000 8114 0021 · LCCN (ENn89620333 · GND (DE116152702 · BNF (FRcb14971122j (data) · ULAN (EN500019077 · CERL cnp01387208