Neosaimiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Neosaimiri
Immagine di Neosaimiri mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Cebidae
Sottofamiglia Saimirinae
Genere Neosaimiri
Stirton, 1951[1]
Nomenclatura binomiale
Neosaimiri fieldsi

Neosaimiri è un genere di primate platirrino della famiglia dei Cebidi, vissuto in Sud America durante il Miocene. Attualmente al genere sono assegnate 1 specie: Neosaimiri fieldsi (Tipo nomenclaturale: mandibola UCMP 39205).

I primi resti fossili di questo animale furono scoperti nel 1949 a La Venta, in Colombia.[1]
In base ai resti fossili (soprattutto ossa postcraniali) si può intuire che l'animale da vivo fosse molto simile, sia come forma che morfologicamente, agli attuali Saimiri, coi quali viene spesso classificato (Saimiri fieldsi) a causa della mancanza di prove valide che dimostrino l'effettiva necessità di una revisione ed ascrizione di questo animale ad un genere a sé stante.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Masanaru Takai: New specimens of Neosaimiri fieldsi from La Venta, Colombia: a middle Miocene ancestor of the living squirrel monkeys. Journal of Human Evolution, 27 (4), 1994, p. 329-360, doi:10.1006/jhev.1994.1049
  • Masato Nakatsukasa et al.: Functional Morphology of the Postcranium and Locomotor Behavior of Neosaimiri fieldsi, a Saimiri-like Middle Miocene Platyrrhine. American Journal of Physical Anthropology, 102 (4),, 1997, p. 515–544, DOI10.1002/(SICI)1096-8644(199704)102:4<515::AID-AJPA7>3.0.CO;2-Q

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ruben Arthur Stirton: Ceboid monkeys from the Miocene of Colombia. University of California Publications in Geological Sciences, 28 (11), 1951, p. 315–356.