Nanneddu meu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nanneddu meu
Artistavari
Autore/iPeppino Mereu, Nicolò Rubanu e Tonino Puddu
GenereCanzone popolare
StileBallata
Data1974

Nanneddu meu è una canzone basata su un testo del poeta Peppino Mereu. La canzone, nella versione ora conosciuta, è stata scritta nel 1974 da Nicolò Rubanu e successivamente ripresa da Tonino Puddu, sui versi dell'omonima poesia, scritta alla fine dell'Ottocento dal poeta di Tonara. Questo brano è un canto d'autore di ispirazione folklorica e da tempo è entrato a far parte della cultura e della tradizione popolare sarda.

Storia e contenuto[modifica | modifica wikitesto]

I versi erano stati pubblicati per la prima volta nel 1899, dalla Tipografia Valdès di Cagliari, in una raccolta intitolata Poesias de Giuseppe Mereu. La raccolta contiene 29 poesie, di vario metro e contenuto, tutte scritte fra il 1890 e il 1897. Peppino Mereu aveva scritto questo versi, di tipo epistolare, con il titolo A Nanni Sulis(I), con questo titolo pubblicherà altre due composizioni che vengono contraddistinte, oltre al titolo, con i relativi numeri romani. Il componimento è costituito da 33 quartine del tipo ABCB[1].

Nel 1974, Nicolò Rubanu leader del Gruppo Rubanu Orgosolo, musicò il testo[2] e fu eseguita dal gruppo, per la prima volta, al Teatro Eliseo di Nuoro, in occasione di una esibizione insieme agli Inti-Illimani[3], lo stesso anno il gruppo la pubblicò nell'album Su lamentu de su pastore.

Successivamente la musica fu arrangiata da Tonino Puddu, direttore del Coro su Nugoresu di Nuoro e nel 1984 fu il gruppo pop del Coro degli Angeli a inciderla per la Tekno Records e a inserirla sull'album Misterios.

È un canto di protesta in cui, in forma di lettera ad un amico, Mereu denuncia lo stato di miseria e oppressione in cui versavano gli strati sociali più bassi verso la fine dell'Ottocento in Sardegna[4].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Collettivo "Peppino Mereu" di Tonara (a cura di), Peppinu Mereu. Poesias., Editoriale La Nuova Sardegna, Sassari, 2003, pp.67-73 ISBN 84-96142-75-2
  2. ^ A. Strinna, Nanneddu meu Una delle canzoni più antiche e più popolari della tradizione musicale sarda Archiviato il 7 ottobre 2015 in Internet Archive., Cantosardoachitarra.it
  3. ^ Maria Giovanna Fossati, Boccio i cori sardi, non sono etnici, 2 dic. 2007, La Nuova Sardegna
  4. ^ La musica etnica sarda: ”Cordas e Cannas”: “Nanneddu meu, su MARGHIAN Just another WordPress.com site. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  5. ^ Unu mundu bellissimu, 1988

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica