Museo di palazzo Poggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Museo di Palazzo Poggi)
Jump to navigation Jump to search
Museo di Palazzo Poggi
Bologna, Museo di Palazzo Poggi, cere anatomiche (2).jpg
Cere anatomiche del museo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBologna
Indirizzovia Zamboni 33
Coordinate44°29′49.07″N 11°21′09.4″E / 44.496964°N 11.35261°E44.496964; 11.35261Coordinate: 44°29′49.07″N 11°21′09.4″E / 44.496964°N 11.35261°E44.496964; 11.35261
Caratteristiche
TipoScienza, arte
Sito web e Sito web

Il museo di Palazzo Poggi è un museo universitario di Bologna, sito nell'omonimo palazzo in via Zamboni. Lo stesso edificio che ospita la sede dell'Alma Mater Studiorum e altri musei universitario, quali il Museo della Specola e il Museo Europeo degli Studenti (MEUS).

Il Museo è costituito dalla ricomposizione dei laboratori e delle collezioni dell'antica Accademia delle scienze dell'Istituto di Bologna, attiva nello stesso palazzo tra il 1711 e il 1799 per iniziativa di Luigi Ferdinando Marsili.

Negli anni l'istituto, oltre alla ricca strumentazione della quale disponeva, cominciò a raccogliere anche collezioni pittoriche, come la wunderkammer di Ferdinando Cospi e la collezione cinquecentesca di Ulisse Aldrovandi. Le sale del museo sono decorate da pitture murali di Niccolò dell'Abate, di Pellegrino Tibaldi, Prospero Fontana, del Nosadella e di Ercole Procaccini il Vecchio.

A partire dall'autunno del 2000, l'Università di Bologna ha riaperto al pubblico il palazzo, ricollocando nelle sue stanze i reperti e la strumentazione scientifica raccolti e utilizzati nel XVIII secolo.

Il documento originale della Magna Charta Universitatum è esposto nella "Sala della Magna Charta" del museo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Poggi
  • Riccardo Rosati, ‘Il complesso museale di Palazzo Poggi a Bologna’, Nuova Museologia, 43 (novembre), 2020, 14-17.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN125296490 · ISNI (EN0000 0001 2215 9491 · LCCN (ENn2002115136 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002115136