Monumenti buddisti nell'area di Hōryū-ji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Monumenti buddisti nell'area di Hōryū-ji
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Horyu-ji10s3200.jpg
TipoCulturali
Criterio(i) (ii) (iV) (vi)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1993
Scheda UNESCO(EN) Buddhist Monuments in the Hōryū-ji Area
(FR) Monuments bouddhiques de la région d'Horyu-ji

I monumenti buddisti nell'area di Hōryū-ji comprendono una varietà di edifici che si trovano a Hōryū-ji e Hokki-ji a Ikaruga, nella prefettura di Nara in Giappone. Nel 1993 sono stati designati, insieme al paesaggio circostante, patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Le strutture sono alcuni dei più antichi edifici in legno esistenti al mondo, risalenti al VII-VIII secolo. Molti sono anche tesori nazionali del Giappone e riflettono un'importante epoca di influenza buddista in Giappone. Le strutture comprendono 21 edifici nel tempio orientale di Hōryū-ji, 9 nel tempio occidentale, 17 monasteri e altri edifici e la pagoda di Hokki-ji.[1]

Horyuji Kondo[modifica | modifica wikitesto]

Horyuji Kondo

Il kondo[2], noto anche come Sala d'Oro, si trova all'interno delle porte del complesso del tempio di Horyuji. La struttura si trova vicino al centro vicino alla Pagoda Horyuji. Le due strutture sono significative, ma per ragioni molto diverse. Il kondo venne costruito con l'intenzione di essere utilizzato per il culto buddista.[3] All'esterno appare allo spettatore come una struttura a due piani. Tuttavia, solo il primo piano è operativo[4][5] Il tetto mostra lo stile del tetto spiovente che si vede spesso nell'architettura dell'Asia orientale[6]. Anche l'esterno della struttura in legno è decorato con immagini di draghi e della divinità dell'acqua[6]. Entrando nell'edificio, lo spettatore si trova di fronte alla Triade Shaka e alle sculture Yakushi.

La Triade Shaka[modifica | modifica wikitesto]

La Triade Shaka si trova all'interno dell'edificio Horyuji Kondo. La scultura è posizionata su una piattaforma rialzata in modo che quando lo spettatore entra nell'edificio, dovrà alzare lo sguardo per osservarla. Shaka siede tra i suoi due assistenti nella posizione di meditazione.[3] La gonna che indossa gli cade sulle gambe, e sulla piattaforma su cui siede, in uno stile noto come drappeggio a cascata.[3] Le sue mani sono posizionate in due diversi mudra. La mano destra nel mudra di rassicurazione e quella sinistra nel mudra che concede il desiderio.[3] Dietro lo Shaka c'è una mandorla finemente decorata con un fiore di loto al centro. Proprio sopra la testa c'è un cerchio rialzato che dovrebbe essere una rappresentazione del gioiello buddista della saggezza.[3] Sulle parti esterne della mandorla ci sono sette piccole figure di Buddha. Queste hanno lo scopo di rappresentare i sette Buddha che vennero prima di Shaka.[3] I due assistenti sono stati posti su fiori di loto. Ogni figura tiene in mano un gioiello.[5]

Pagoda di Horyuji

Pagoda di Horyuji[modifica | modifica wikitesto]

Accanto al kondo Horyuji si trova la Pagoda Horyuji. Il kondo funge da spazio per il culto buddista, ma la pagoda ha uno scopo completamente diverso. La struttura, a cinque piani, si trova a Horyuji come una sorta di reliquiario o sito commemorativo. Venne costruita anche per rappresentare un diagramma dell'universo.[3] Fermandosi a guardare l'edificio si nota che i tetti di ogni piano diventano sempre più piccoli man mano che si avvicinano alla cima. Il palo centrale della pagoda è inserito in una fondazione di pietra che contiene tesori e reliquie buddiste. Queste reliquie vennero poste all'interno di vasi realizzato con vetro, oro e argento.[5]

Santuario Tamamushi

Il Santuario Tamamushi[modifica | modifica wikitesto]

Il Santuario Tamamushi si trova all'interno della Casa del Tesoro di Horyuji. È costituito da un piccolo kondo posto sopra una base rettangolare.[3] Simile a quello dell'Horyuji, il kondo in miniatura sul santuario ha un tetto a padiglione e a due falde ed esibisce molte caratteristiche architettoniche del periodo Asuka.[5] Il santuario è decorato in modo elaborato con molti dettagli. All'interno c'è una piccola statua di Kannon, un Bodhisattva buddista.[5] Anche le pareti interne sono rivestite con molte piccole figure di Buddha.[5] Sulla parte anteriore della base rettangolare ci sono immagini dei quattro re guardiani[3] e sui pannelli laterali, di bodhisattva in piedi su fiori di loto.[5] Il pannello posteriore mostra il monte Ryoju, il luogo in cui Shaka predicò il Sutra del Loto.[5] Sul piedistallo superiore del santuario, la parte anteriore ha dipinti che raffigurano rappresentazioni di reliquie buddiste,[5] mentre quella posteriore ha un'immagine del luogo che è noto per essere il centro dell'universo. Questa posizione tiene separati l'uno dall'altro i cieli, gli oceani e la terra.[3] Questo luogo è conosciuto come il Monte Sumeru. Il pannello di destra mostra un'immagine del Buddha in una vita precedente e quello di sinistra la scena di "La tigre affamata Jataka".[3]

La tigre affamata Jataka[modifica | modifica wikitesto]

"La tigre affamata Jataka" è un racconto sul tema del sacrificio di sé.[3] In questa storia, il Bodhisattva sta camminando nella foresta quando incontra una tigre e i suoi cuccioli affamati.[3] Per salvare la vita degli animali, il bodhisattva sale sulla cima della montagna situata nelle vicinanze e salta giù.[3] L'odore del sangue proveniente dal corpo del Bodhisattva è sufficiente per svegliare la debole tigre e i suoi cuccioli affamati affinché possano mangiare il suo corpo.[3]

Elenco dei siti[modifica | modifica wikitesto]

Nome Tipo Posizione Foto
Edifici Hōryū-ji (法隆寺?) Tempio nahaIkaruga-chō,
Ikoma-gun,
Nara-ken
Horyu-ji03s3200.jpg
Pagoda Hokki-ji (法起寺?) Tempio Ikaruga-chō,
Ikoma-gun,
Nara-ken
Hokiji08n4500.jpg

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ICOMOS, Advisory Body Evaluation (PDF), 1º ottobre 1992. URL consultato il 3 agosto 2009.
  2. ^ Area principale di un tempio buddista.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Penelope Mason, History of Japanese Art, Upper Saddle River, New Jersey, Pearson Education, 2005.
  4. ^ Mizuno, 92
  5. ^ a b c d e f g h i Mizuno, Siichi, Asuka Buddhist Art: Horyu-ji, Weatherhill/Heibonsha, 1974, ISBN 0834810204, OCLC 912223923.
  6. ^ a b Cartwright, Ancient History Encyclopedia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]