Turismo in Giappone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Giappone.

Il turismo in Giappone ha attratto nel 2008 8,3 milioni di visitatori stranieri, poco più di Singapore ed Irlanda[1]. Il Giappone possiede 16 siti che sono patrimonio dell'umanità, tra cui il castello di Himeji, i monumenti storici di Kyōto, che riceve annualmente più di 30 milioni di turisti[2]. Sono molto visitate anche Tōkyō e Nara, il monte Fuji, stazioni sciistiche come Niseko, Hokkaidō ed Okinawa. Per i trasporti sono importanti gli Shinkansen, cioè i treni ad alta velocità, mentre per la ristorazione gli hotel più famosi sono i tradizionali Ryokan.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Castello di Himeji a Himeji (Patrimonio dell'umanità)

Le origine delle prime visite ai siti giapponesi non sono chiare, ma il primo viaggio accertato fu quello del 1643 di Hayashi Razan, seguito non molto dopo da Matsuo Bashō che nel 1689 arrivò fino all'"estremo nord" del Giappone. Durante l'era feudale del Giappone, da circa il 1600 fino alla Restaurazione Meiji del 1867, i viaggi erano regolati all'interno del Paese mediante l'uso di stazioni postali Shukuma e nelle città bisognava presentare un'apposita documentazione. Nonostante queste limitazioni, scuderie, luoghi per alloggio e cibo erano disponibili. Durante questo periodo, il Giappone era un Paese blindato agli stranieri, quindi la presenza di visitatori esteri era pressoché pari allo zero. Dopo la Restaurazione Meiji e la costruzione di una rete ferroviaria nazionale, il turismo ebbe nuove prospettive. Già del 1887, il governo riconobbe ufficialmente il bisogno di un sistema organizzato per attrarre turisti: il Kihinkai (貴賓会?), che mirava a coordinare varie parti del turismo, e che fu istituito quell'anno con la benedizione del Primo Ministro Ito Hirobumi. Un'altra pietra miliare dello sviluppo del turismo fu la Legge per lo Sviluppo degli Hotel del 1907, a seguito della quale cominciò la costruzione di alberghi pubblici[3].

Flussi turistici[modifica | modifica sorgente]

Monte Fuji (Patrimonio dell'umanità)
Akihabara (Tokyo), uno dei luoghi più visitati del Giappone[4]
Tokyo Tower, uno dei simboli di Tokyo

I turisti stranieri erano 4,8 milioni su 6,8 milioni di visitatori nel 2009[5] e 6 milioni su 8,4 nel 2008[6]. Il Giappone ha ricevuto 4,1 milioni di turisti nel 2011 su 6,2 milioni di visitatori stranieri[7], contro i 6,4 milioni su 8,6 milioni di visitatori nel 2010[8], a causa del terremoto e maremoto del Tōhoku. Dopo l'11 marzo, infatti, gli arrivi turistici internazionali nel mese di marzo sono diminuiti del 50,3%, con una diminuzione che va dal -35% al -65% come due estremi considerando gli arrivi dai singoli Paesi, mentre i viaggi di piacere in entrata nel periodo marzo-aprile sono calati di circa il 90% sia in marzo sia in aprile[9]. Le zone che più hanno risentito dalla catastrofe sono la zona di Sendai, colpita dallo tsunami, e Tokyo, che pur non essendo stata toccata direttamente ha registrato un calo nella domanda di prenotazioni nel mese di marzo con una diminuzione del 34% rispetto allo scorso anno[10]. Per contrastare questo andamento negativo il governo del Giappone ha deciso di regalare 10 000 biglietti aerei ai turisti stranieri nel tentativo di risollevare il turismo della nazione[11]. Nonostante ciò, il Giappone è risultato la terza meta turistica per quanto concerne le destinazioni più popolari secondo un sondaggio del 2011, dopo Stati Uniti e Gran Bretagna[11]. L'anno seguente vi è stata una ripresa, con 8,367,872 turisti che hanno visitato il Giappone nel 2012[12].

Di seguito viene mostrata una tabella che tiene conto del numero e della provenienza dei turisti stranieri in Giappone nel 2012:

classifica Paese numero (persone) percentuale
1 Corea del Sud Corea del Sud 2,044,249 24.4%
2 Taiwan Taiwan 1,466,688 17.5%
3 Cina Cina 1,429,855 17.1%
4 Stati Uniti Stati Uniti 717,372 8.6%
5 Hong Kong Hong Kong 481,704 5.8%
6 Thailandia Thailandia 260,859 3.1%
7 Australia Australia 206,538 2.5%
8 Regno Unito Regno Unito 174,759 2.1%
9 Singapore Singapore 142,255 1.7%
10 Canada Canada 135,481 1.6%
Altri 1,308,112 15.6%
Totale 8,367,872 100%

Secondo l'Organizzazione del Turismo giapponese, i turisti cinesi hanno speso nel 2010 ciascuno almeno 115000 ¥ durante il loro soggiorno in Giappone, contro i 70000 ¥ per i taiwanesi ed i 25000 ¥ per gli statunitensi[13].

Tutti i visitatori stranieri devono farsi fotografare e dare le loro impronte digitali allo sbarco in Giappone da dopo il 20 novembre 2007[14].

Fino al luglio 2010, l'assegnazione dei visti individuali ai turisti cinesi era limitata a quelli che avessero un redittoto annuo di almeno 250000 ¥ (circa 30000 nel 2010), al fine di limitare l'immigrazione clandestina[15]. Queste misure sono state allentate nel luglio 2010: è stato limitato ad un reddito annuale di 60000 ¥ (circa 7000 € nel 2010), od al possesso di una carta di credito "gold"[15]. Per i cinesi che non dispongano di tal reddito, le vacanza devono essere fatte in gruppo per mezzo di agenzie di viaggio[15].

Il turismo oggi[modifica | modifica sorgente]

Il turismo interno rimane una parte vitale dell'economia e della cultura giapponesi. Gli studenti in molte scuole medie si recano principalmente a Tōkyō Disneyland oppure alla Tōkyō Tower. Gli studenti delle scuole superiori visitano Okinawa ed Hokkaidō. L'esteso sistema ferroviario è uno dei maggiori responsabili del fiorente turismo interno. Nel turismo in entrata, il Giappone è stato classificato ventottesimo nella classifica mondiale del turismo nel 2007[16]. Nel 2009, il quotidiano Yomiuri Shimbun ha pubblicato una moderna lista di luoghi spettacolari chiamata Heisei Hyakkei ("le Cento Viste del Periodo Heisei").

La Corea del Sud è la più importante fonte di turisti stranieri per il Giappone. Nel 2010, i 2,4 milioni di sud-coreani costituivano il 27% dei turisti che visitavano il Giappone[17].

I viaggiatori cinesi sono quelli che spendono di più in Giappone per nazionalità: si è stimato che abbiano speso 196,4 ¥ nel 2011, ovvero quasi un quarto della spesa totale dei turisti stranieri, secondo i dati dell'Organizzazione del turismo in Giappone[18].

Principali punti d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Shiretoko (Patrimonio dell'umanità)
Shinjuku a Tōkyō, e Monte Fuji
Shirakawa-gō (Patrimonio dell'umanità)
Tōdai-ji Daibutsu a Nara (Patrimonio dell'umanità)
Ishigaki-jima, Prefettura di Okinawa

Hokkaidō[modifica | modifica sorgente]

Tōhoku[modifica | modifica sorgente]

Kantō[modifica | modifica sorgente]

Chūbu[modifica | modifica sorgente]

Kansai[modifica | modifica sorgente]

Chūgoku[modifica | modifica sorgente]

Shikoku[modifica | modifica sorgente]

Kyūshū ed Okinawa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) UNTWO World Tourism Barometer, Vol.5 No.2 (PDF), Organizzazione mondiale del turismo, giugno 2008. URL consultato il 2008-10-15.
  2. ^ Scott, David (1996). Exploring Japan. Fodor's Travel Publications, Inc. ISBN 0-679-03011-5.
  3. ^ (EN) The Rules of Play: National Identity and the Shaping of Japanese Leisure, Cornell University Press, p. 59. ISBN 0-8014-4091-2.
  4. ^ (EN) How today's Akihabara hatched, Japan National Tourism Organization. URL consultato il 27 agosto 2010.
  5. ^ (EN) 2009 Foreign Visitors & Japanese Departures, JNTO (PDF)
  6. ^ (EN) 2008 Foreign Visitors & Japanese Departures, JNTO (PDF)
  7. ^ (EN) 2011 Foreign Visitors & Japanese Departures, JNTO (PDF)
  8. ^ (EN) 2010 Foreign Visitors & Japanese Departures, JNTO (PDF)
  9. ^ (EN) Hugo Martín, « Japan pushes to salvage its summer tourist season », Los Angeles Times, il 26 luglio 2011
  10. ^ Giappone, terremoto e tsunami: impatti sul turismo, puretourism.it, 24 luglio 2011. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  11. ^ a b Ermal Burchia, Turismo, il Giappone regala 10.000 biglietti aerei ai turisti stranieri in Corriere della Sera, 10 ottobre 2011. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  12. ^ (JA) 2012年推計値 - Organizzazione Nazionale del Turismo in Giappone
  13. ^ (EN) Mariko Sanchanta, Atsuko Fukase, « Japan Opens Doors to More Chinese Shoppers  », The Wall Street Journal, il 29 giugno 2010
  14. ^ (FR) Impronte digitali e foto per gli stranieri che entrano in Giappone in Aujourd'hui le Japon, AFP, 20 novembre 2007.
  15. ^ a b c (FR) Benjamin Gauducheau, Il Giappone semplifica la procedura d'assegnazione dei visti ai turisti cinesi in Aujourd'hui le Japon, 21 maggio 2010.
  16. ^ (EN) UNTWO World Tourism Barometer, Vol.5 No.2 (PDF), giugno 2008. URL consultato il 2008-03-26.
  17. ^ (EN) Tourists flock to Japan despite China spat in The Financial Times, 26 gennaio 2011. URL consultato il 16 marzo 2012.
  18. ^ (EN) Tokyu Group nel costante perseguimento dei turisti cinesi, TTGmice. URL consultato il 18 aprile 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]