Mohsen Makhmalbaf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mohsen Makhmalbaf

Mohsen Makhmalbaf (Teheran, 29 maggio 1957) è un regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e montatore iraniano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivista politico nato in uno dei quartieri più poveri di Teheran, Makhmalbaf a 15 anni si unisce alla milizia rivoluzionaria contro il regime dello Scià, e all'età di 17 anni viene arrestato per un assalto a una stazione di polizia. Anche se giovane ha scontato diversi anni in carcere per la sua opposizione al regime dello scià Reza Pahlevi. Padre della regista Samira Makhmalbaf, nel 1988 recita un episodio realmente accaduto nella sua vita nel film Close-Up di Abbas Kiarostami.

A partire dal 1981 scrive romanzi e racconti e l'anno successivo gira il suo primo film, Nassouh le Répétant. Dirige una quindicina di lungometraggi che vincono numerosi premi internazionali, tra cui L'ambulante (1987), Il ciclista (1989), Salam Cinema (1995), Pane e fiore (1996), Il silenzio (1998, girato in Tagikistan per aggirare la censura iraniana), Viaggio a Kandahar (2001).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Mohsen Makhmalbaf, in Internet Movie Database, IMDb.com.

Controllo di autorità VIAF: (EN67309249 · ISNI: (EN0000 0001 2137 7390 · GND: (DE12090280X · BNF: (FRcb14402026k (data)