Mohsen Makhmalbaf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mohsen Makhmalbaf

Mohsen Makhmalbaf (Teheran, 29 maggio 1957) è un regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e montatore iraniano.

Attivista politico nato in uno dei quartieri più poveri di Teheran, Makhmalbaf a 15 anni si unisce alla milizia rivoluzionaria contro il regime dello Scià, e all'età di 17 anni viene arrestato per un assalto a una stazione di polizia. Anche se giovane ha scontato diversi anni in carcere per la sua opposizione al regime dello scià Reza Pahlevi. A partire dal 1981 scrive romanzi e racconti e l'anno successivo gira il suo primo film, Nassouh le Répétant. Nel 1988 recita un episodio realmente accaduto nella sua vita nel film Close-Up di Abbas Kiarostami.

Dirige una quindicina di lungometraggi che vincono numerosi premi internazionali, tra cui L'ambulante (1987), Il ciclista (1989), Salam Cinema (1995), Pane e fiore (1996), Il silenzio (1998, girato in Tagikistan per aggirare la censura iraniana), Viaggio a Kandahar (2001).

È il padre della regista Samira Makhmalbaf.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 67309249