Mocha Dick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mocha Dick fu un capodoglio maschio vissuto nell'Oceano Pacifico all'inizio del XIX secolo, noto a chi navigava nelle acque vicino all'Isola Mocha, al largo del Cile meridionale. A differenza della maggior parte dei capodogli, Mocha Dick era bianco, e fu l'ispirazione per il romanzo del 1851 Moby Dick di Herman Melville.[1]

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Un'illustrazione da Moby Dick

Mocha Dick sopravvisse a molti scontri (secondo alcuni resoconti almeno 100) con le baleniere prima di essere ucciso. Era grande e possente, capace di fare a pezzi piccole imbarcazioni con i suoi colpi di coda. L'esploratore Jeremiah N. Reynolds raccolse osservazioni dirette di Mocha Dick e pubblicò il suo resoconto, Mocha Dick: Or The White Whale of the Pacific: A Leaf from a Manuscript Journal ("Mocha Dick: o la balena bianca del Pacifico: un foglio da un giornale manoscritto"), nel numero di gennaio 1839 di The Knickerbocker, descrivendo la balena come "un vecchio maschio bianco, di taglia e forza prodigiose... bianco come la lana".[2] Secondo Reynolds, la testa della balena era coperta di cirripedi, che gli davano un aspetto duro. La balena aveva anche un metodo peculiare per soffiare:

«Invece di proiettare il suo soffio obliquamente in avanti, e di ansimare con uno sforzo breve, convulso, accompagnato da un rumore sbuffante, come avviene di solito con la sua specie, lanciava l'acqua dal naso con un volume molto alto, perpendicolare, ampio, ad intervalli regolari e piuttosto distanti; la sua espulsione produceva un rombo continuo, come quello del fumo che sfugge dalla valvola di sicurezza di un potente motore a vapore.»

(J. N. Reynolds, Mocha Dick: Or The White Whale of the Pacific: A Leaf from a Manuscript Journal)

È molto probabile che Mocha Dick sia stato avvistato e attaccato per la prima volta in qualche periodo precedente all'anno 1810 al largo dell'Isola Mocha.[3] La sua sopravvivenza ai primi avvistamenti, abbinata al suo aspetto insolito, lo rese rapidamente famoso tra le baleniere di Nantucket. Molti capitani tentarono di dargli la caccia dopo aver doppiato il Capo Horn. A volte era alquanto docile, altre volte nuotava a fianco della nave, ma una volta attaccato reagiva con ferocia e astuzia ed era assai temuto dai ramponieri. Quando era agitato si tuffava in profondità e poi saltava fuori così aggressivamente che a volte tutto il suo corpo veniva completamente fuori dall'acqua.[4]

Nel resoconto di Reynolds, Mocha Dick fu ucciso nel 1838, dopo che era parso venire in aiuto di una femmina sconvolta il cui piccolo era stato ucciso dalle baleniere. Il suo corpo era lungo 21 metri e produsse 100 barili d'olio, oltre a una certa quantità di ambra grigia. Aveva anche parecchi arpioni piantati nel corpo.

Mocha Dick non fu l'unico caso di avvistamento di una balena albina. Una baleniera svedese sostenne di aver catturato una balena bianca molto vecchia al largo della costa del Brasile nel 1859.[5] Whipple riferisce che fino al 1954 c'era un uomo che viveva su Nantucket che asseriva di aver arpionato una balena bianca nel 1902. E nel 1952 Time Magazine diede la notizia dell'arpionamento di una balena bianca al largo della costa del Perù.[6] A partire dal 1991 ci sono avvistamenti riferiti di una megattera bianca vicino all'Australia, soprannominata Migaloo.[7] Nel 2015 nelle acque della Sardegna è stato avvistato un capodoglio bianco, subito ribattezzato "Moby Dick" dagli organi di stampa[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew Delbanco, Melville, His World and Work, New York: Alfred A. Knopf, 2005, pp. 167-168, ISBN 0-375-40314-0.
  2. ^ Andrew Delbanco, Melville, His World and Work, New York: Alfred A. Knopf, 2005, p. 167, ISBN 0-375-40314-0.
  3. ^ Articolo "Mocha Dick" dal numero di gennaio 1839 di The Knickerbocker
  4. ^ Whipple, A. B. C. Whalers in the South Pacific, Doubleday, 1954, p. 66.
  5. ^ Whipple, A. B. C. Whalers in the South Pacific, Doubleday, 1954, p. 72.
  6. ^ "Science: Captain Ahab Avenged" Archiviato il 1º marzo 2010 in Internet Archive., Time Magazine, 11 febbraio 1952
  7. ^ The Story of Migaloo
  8. ^ Capodoglio bianco "Moby Dick" avvistato in Sardegna, da RaiNews 6 agosto 2015

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mocha Dick: Or The White Whale of the Pacific: A Leaf from a Manuscript Journal - O la balena bianca del Pacifico: estratto da un diario di bordo, traduzione di Ivo Lombardo, Venezia, Damocle, 2018, ISBN 978-88-943223-8-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci