Mistagogia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La mistagogia è, nella cultura religiosa greca, l'iniziazione ai misteri, segnatamente ai misteri di Eleusi.

La mistagogia in ambito cristiano[modifica | modifica wikitesto]

Per mistagogia, in ambito cristiano si intende quel percorso fatto di apprendimento e conoscenza nonché di testimonianza che il cristiano fa dopo avere intrapreso e ricevuto i sacramenti dell'iniziazione cristiana. Si tratta di avvicinarsi al Mistero Pasquale di Cristo Risorto attraverso la comprensione e la pratica dei riti liturgici e con la testimonianza della propria fede nella vita reale di tutti i giorni.

Il termine deriva dal greco e proviene dalla letteratura ellenica antica. Significa portare, guidare qualcuno a considerare le realtà sacre, introdurre nelle cose nascoste cioè nei misteri. La mistagogia è dunque l'azione di colui che conduce un altro, lo inizia ai misteri. Nel rito bizantino la mistagogia è, per eccellenza, la divina liturgia cioè la Messa perché è l'azione che la Chiesa-Mistagoga fa per condurre i fedeli dentro i misteri di Dio e dell'uomo, è, infine, l'azione di Dio stesso che esce dal suo mistero per farsi presente all'uomo.