Missionarie catechiste dei poveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Missionarie Catechiste dei Poveri (in spagnolo Misioneras Catequistas de los Pobres) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla M.C.P.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La congregazione sorse in Messico al tempo della presidenza di Plutarco Elías Calles, in un contesto di forte spinta secolarizzatrice, e venne fondata il 29 gennaio 1926 a Monterrey dall'arcivescovo José Juan de Jésus Herrera y Piña (1865-1927) assieme a due religiose delle Figlie di Maria Ausiliatrice: essendo fortemente limitata la possibilità dei sacerdoti di svolgere il loro apostolato, il presule pensò di sostituire loro delle suore nell'opera di evangelizzazione.[2]

L'istituto ottenne il riconoscimento di congregazione di diritto diocesano il 19 maggio 1951 e ricevette il pontificio decreto di lode il 22 ottobre 1964.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le Missionarie Catechiste dei Poveri si dedicano all'evangelizzazione degli uomini, soprattutto dei più poveri e abbandonati.[3]

Sono presenti in Messico, Ecuador e Stati Uniti d'America:[4] la sede generalizia è a San Pedro Garza García (Nuevo León).[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 169 religiose in 25 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1554.
  2. ^ a b DIP, vol. V (1978), col. 1521, voce a cura di M. Medina González.
  3. ^ Il carisma dell'istituto, su misionerasmcp.com. URL consultato il 15-7-2009 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2008).
  4. ^ La missione della congregazione, su misionerasmcp.com. URL consultato il 15-7-2009 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo