Mieko Tadokoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mieko Tadokoro (Tokyo, 1952) è una fotografa giapponese.

"Potrebbe la natura morta con foro stenopeico apparire come un dipinto? E quale sarà il rendering in bianco e nero? Queste sono le curiosità che mi hanno portato alla realizzazione delle mie nature morte. Ed è attraverso un minuscolo buco e dopo dieci minuti di respiro silenzioso che la natura morta è nella mia stanza buia"

(Mieko Tadokoro, Vie Silencieuse, maggio 2015)[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mieko vive e lavora a Tokyo.

Durante un soggiorno a Parigi nel 1990, frequenta il Musée Nicéphore-Niépce, dove conosce ed apprende le tecniche della fotografia stenopeica. Da allora inizia un impegno con il foro stenopeico che dura fino ad oggi e che, oltre alla ricerca fotografica personale, insegna nei corsi scolastici, nei musei e nei centri culturali. Divulga, infine, la filosofia della fotografia stenopeica attraverso programmi televisivi e articoli nelle riviste giapponesi. In Giappone, questa antica tecnica fotografica è divenuta molto conosciuta grazie alle sue attività, ai suoi libri e ai manuali pubblicati.

Japan Photo Culture Association nel 1999 le ha conferito il Premio per i suoi meriti artistici. Dal 1995 è membro dell'APA - Association pour la Photographie Ancienne et ses Techniques di Parigi[2] e dal 2006 è Presidente della Japan Pinhole Photographic Society[3].

Mostre personali[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 - Paris - Another Point of View, Bauhaus Gallery, Tokyo
  • 2015 - La vie silencieuse, Galerie 48, Lione
  • 2013 - Paris Autrement, L’Agnes Hotel , Tokyo
  • 2012 - Tableau et Table, Hyatt Regency Tokyo
  • 2012 - Paris à l’imparfait, Jike Studio, Kanagawa
  • 2012 - A Retrospective, Art Chamber Gallery, organizzazione Goa Centre for Alternative Photography per The Japan Foundation, Goa, India
  • 2012 - Flou Artistique, Portrait Gallery, Tokyo
  • 2007 - Ichiyo, Pola Museum Annex, Tokyo
  • 2006 - Natures Mortes, Pola Museum Annex, Tokyo
  • 2005 - Réflexions Parisiennes, Pola Museum Annex, Tokyo
  • 2003 - A Pas de Nain, Kodak Photo Salon, Tokyo
  • 2002 - Paris, Passage Pinhole, Maison Franco-Japonaise, Tokyo
  • 2000 - Natures Mortes, Kodak Photo Salon, Tokyo
  • 2000 - Paris, Passage Sténopé, Galerie Véro-Dodat, Parigi
  • 1999 - Réflexions Parisiennes, Librairie Jousseaume, Galerie Vivienne, Parigi
  • 1998 - Photographie au sténope de Mieko Tadokoro, Le Printemps Ginza, Tokyo
  • 1998 - Le Cimetière du Père Lachaise, Kodak Photo Salon, Tokyo
  • 1995 - Another Point of View – Paris, Kodak Photo Salon, Tokyo
  • 1993 - Paris vu d’un petit trou, Fuji Photo Salon, Tokyo

Mostre collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 - Poetics of Light, National Science and Media Museum, Bradford (GB)
  • 2015 - Poetics of Light, New Mexico History Museum, Santa Fe (USA)
  • 2005-2014 Annuale esoosizione della Japan Pinhole Photographic Society, Tokyo
  • 2012 - Flou(s) Artistique(s), Yotsuya Portrait Gallery, Tokyo
  • 2004 - Paris seen by Japanese photographers, White Room Gallery, West Hollywood, U.S.A.
  • 2003 - Exposition de Polaroid Pinhole Photos, Polaroid Gallery, Tokyo
  • 2002 - Senza obiettivo, International Exhibition of Pinhole Photography, Siena, nell'ambito della XI edizione del Festival Visionaria
  • 2000 - Sténopéphotographie 1855-2000, Galerie Mise au Point, Parigi sul tema dei fiori, Bibliothèque de Lille
  • 1999 - Procédés Oubliés, Galerie Mister Brown, Parigi
  • 1998 - Le Cimetière du Père Lachaise, Kodak Photo Salon, Tokyo
  • 1997 - Procédés Oubliés, Novotel, Port de Charenton, Parigi
  • 1993 - Camera Obscura, Magyar Fotográfiai Múzeum, Kecskemét (Ungheria)

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Hariana-no-Paris (Photographie au sténopé), Kawade Shobo Shinsha, 2006 - ISBN 4309268781

Collezioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tokyo Metropolitan Museum of Photography
  • Pinhole Resource Collection, New Mexico History Museum di Santa Fe, (USA)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Mieko Tadokoro, Vie Silencieuse - Photographie au sténopé, in Citazione tratta dalla mostra alla Gallerie 48 di Lione, maggio 2015. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  2. ^ (FR) Mieko Tadokoro, in Association pour la Photographie Ancienne et ses Techniques. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  3. ^ (FR) Vie Silencieuse - Photographie au sténopé, in Galerie 48, maggio 2015. URL consultato l'11 ottobre 2018.

Collegmenti esterni[modifica | modifica wikitesto]