Michiel Sweerts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michiel Sweerts, Autoritratto, 1656 circa

Michiel Sweerts, talvolta indicato anche con la grafia del nome Michael (Bruxelles, 1618Goa, 1664), è stato un pittore e incisore fiammingo.

Michiel Sweerts, Doppio ritratto, Getty Center

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michiel Sweerts fu a Roma dal 1646 al 1656 circa, in rapporto di lavoro con il gruppo di tradizione ancora caravaggesca, detto Scuola dei bamboccianti, da Pieter van Laer a Michelangelo Cerquozzi.

Da questi artisti egli si distinse subito, risolvendo la consueta tematica realistica - scene di vita popolare, personaggi caratteristici - in una compostezza formale di un gusto perfino accademico, che nobilita e trasfigura il motivo narrativo.

Tornato in patria nel 1656 aprì una scuola di pittura e si dedicò all'incisione e all'esecuzione di ritratti di grande effetto espressivo. In questo periodo Sweerts risentì anche dell'influsso dei grandi maestri del Seicento olandese e fiammingo. Nel 1660, colto da una crisi religiosa, andò missionario in Persia e poi in India.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernst Gombrich, Dizionario della Pittura e dei Pittori, Torino, Einaudi Editore, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18030345 · ISNI (EN0000 0000 8097 7372 · LCCN (ENnr96022588 · GND (DE119373742 · BNF (FRcb13508999r (data) · ULAN (EN500026983 · CERL cnp00554179