Maximilien Misson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

François Maximilien Misson (Lione, 1650? – 12 gennaio 1722) è stato uno scrittore e viaggiatore francese.

Nouveau Voyage d'Italie, 1724. Da BEIC, biblioteca digitale

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Lione, in seguito alla revoca dell'Editto di Nantes, avvenuta con l'editto di Fontainebleau, le sue cariche al Parlamento di Parigi vennero revocate così come gli furono confiscati i beni. Più tardi lasciò il paese natio preferendo una regione riformata d'Europa dove cercò di ricostruirsi una posizione economica e sociale. Ottenne la carica di precettore di un aristocratico inglese, il conte d'Arran, che accompagnò nel Grand Tour tra il 1687 e il 1688 viaggiando in Olanda, Germania e Italia.[1] Il nobile e Misson visitarono l'Italia durante il tour di formazione sul continente (1687); in questi anni, Maximilien, scrisse Nouveau Voyage d'Italie[2], stampato nel 1691 e tradotto in tre lingue: inglese, tedesco e olandese, che per il successivo cinquantennio fu tra le più consultate guide per viaggiatori[3], specialmente nel XVIII secolo.

Nel 1698 pubblicò la sua seconda opera, Mémoires et observations faites par un voyageur en Angleterre,[4] e nel 1708 la sua ultima opera, Un nuovo viaggio alle indie orientali.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Misson François Maximilien [ 1650 - 1722 ], su grandtour.bncf.firenze.sbn.it.
  2. ^ Misson, Maximilien (1702), Nouveau voyage d'Italie: avec un mémoire contenant des avis utiles à ceux qui voudront faire le mesme voyage, La Haye: Henri van Bulderen, 4ª ed., 1702.
  3. ^ a b Spence, Craig, Misson, Francis Maximilian (formerly François Maximilien) (c.1650–1722), in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2008 [2004].
  4. ^ Henri Misson de Valbourg, Mémoires et observations faites par un voyageur en Angleterre, sur ce qu'il y a de plus remarquable, La Haye, Henri van Bulderen, 1698.; benché fosse indicato Henri Misson come autore, il libro è generalmente attribuito al fratello François Maximilien Mission.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (NL) Maximilien Misson, Nouveau Voyage d'Italie. 1, Te Utrecht, by Willem van de Water, Jacob van Poolsum, 1724. URL consultato l'11 aprile 2016.
  • (NL) Maximilien Misson, Nouveau Voyage d'Italie. 2, Te Utrecht, by Willem van de Water, Jacob van Poolsum, 1724. URL consultato l'11 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN19681626 · ISNI: (EN0000 0000 7971 4217 · LCCN: (ENn82144564 · GND: (DE104267526 · BNF: (FRcb11916296x (data) · CERL: cnp01317966