Max Simonet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maxime Simonet)
Jump to navigation Jump to search

Maxime "Max" Simonet (Sonoma, 13 luglio ...) è un conduttore televisivo e doppiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, Simonet si è diplomato alla Sonoma Valley High School.[1] Simonet ha frequentato l'Hampshire College in Massachusetts.[1] Più tardi si trasferì a New York, dove tentò di diventare un cabarettista, tuttavia divenne un artista grafico per l'agenzia di stampa satirica The Onion.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Simonet ha co-creato e condotto la serie televisiva FishCenter Live al fianco di Dave Bonawits, Andrew Choe e Matt Harrigan.[1][2][3][4]

Simonet ha sviluppato e prodotto la webserie Daytime Fighting League.[1] Nel 2017, Simonet ha co-creato la serie animata Tender Touches.[5] Nel 2019 ha creato e prodotto la serie animata Gemusetto Machu Picchu, parodia anime andata in onda durante il giorno del pesce d'aprile.[6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

  • FishCenter Live – serie TV (2014-in corso)

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Sonoma’s Max Simonet making big splash on Adult Swim, su Sonoma Index Tribune, 24 febbraio 2017. URL consultato il 7 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Samuel Argyle, A fantasy getaway in a fish tank, su The Outline. URL consultato il 7 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Cult Corner: ‘FishCenter Live’ Is The Most Delightfully Pointless Show on TV, su Decider, 10 maggio 2017. URL consultato il 7 aprile 2019.
  4. ^ www.vulture.com, https://www.vulture.com/2015/05/adult-swims-fishcenter-a-beginners-guide.html. URL consultato il 7 aprile 2019.
  5. ^ (EN) John Schwarz, Adult Swim To Premiere Five Nights Of “Tender Touches”, su Bubbleblabber, 17 dicembre 2017. URL consultato il 7 aprile 2019.
  6. ^ (EN) John Schwarz, Review: Gemusetto Machu Picchu, su Bubbleblabber, 2 aprile 2019. URL consultato il 7 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]