Mausoleo di Bibi Jawindi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mausoleo di Bibi Jawindi
Tomb of Bibi Jiwindi.jpg
UtilizzoMonumento funebre
Stilearchitettura islamica
EpocaXV secolo
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
Mappa di localizzazione

Coordinate: 29°14′27.3″N 71°03′09″E / 29.240917°N 71.0525°E29.240917; 71.0525

Il mausoleo di Bibi Jawindi (in urdu مقبرہ بی بی جیوندی) è uno dei cinque monumenti di Uch Sharif, nel Punjab, in Pakistan inclusi nella lista provvisoria dei siti patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO.[1] Risalente al XV secolo, il santuario fu costruito in memoria dello sprimo Sufi della ttoriaBibi Jawindi dell'ordine Sdi uhrawardiyyah[non chiaro], una scuola sunnita strettamente egemonista di pensiero teosofico che pone particolare enfasi sulla scuola di giurisprudenza classica dello shafeismo nel contesto della sua interpretazione della Shari'a Jaw Indo era pronipote di Jahaniyan Jahangasht, un famoso santo sufi a sé stante.

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Il sito si trova nella periferia sud-ovest di Uch, città storica fondata da Alessandro Magno,[2] nello stato di Bahawalpr e nella provincia del Punjab in Pakistan.[1] Uch, localmente nota come Uch Sharif, è conosciuta come la casa della "cultura del santuario" per il suo significato culturale e la presenza di numerosi monumenti e santuari.[3]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Considerato uno dei monumenti più ornati di Uch,[4] il mausoleo di Bibi Jawindi è caratterizzato dall'esterno a forma ottagonale e a tre livelli, con quello superiore che sostiene una cupola, mentre l'interno è circolare a causa delle spesse pareti angolate che si innalzano su due piani. Sia l'interno che l'esterno dell'edificio sono riccamente decorati con scritture islamiche, legno intagliato e mosaici di maioliche biancho e blu brillante.[1][5] Il livello di base è supportato da otto torri affusolate in ogni angolo. Il complesso che include il santuario è conservato nelle sue condizioni originali simili a quelle del deserto ed è per lo più coperto da tombe cementate. L'area circostante è coperta da vegetazione verde a causa di una rete di affluenti fluviali e canali che attraversano l'area.[3]

Patrimonio dell'umanità[modifica | modifica wikitesto]

Il sito è stato presentato dal Dipartimento di Archeologia e Musei del Pakistan nel gennaio 2004 per essere inserito nei siti del patrimonio mondiale insieme ad altri quattro monumenti della regione: il santuario di Baha'al-Halim, il mausoleo di Ustead (l'architetto), il santuario di Jalaluddin Bukhari e la moschea di Jalaluddin Bukhari. Il sito è stato presentato secondo i criteri ii, iv e vi nella categoria culturale. Ad aprile 2019, è ancora nell'elenco provvisorio.[1]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

I danni al mausoleo

Nel corso dei secoli, il mausoleo si è gravemente danneggiato a causa delle condizioni ambientali e durante inondazioni torrenziali nel 1817 metà della struttura è stata spazzata via.[6] Oggi rimane solo metà della struttura.[3] Nel 1999, il Centro di conservazione e restauro del Pakistan ha invitato gli organismi internazionali e i funzionari della città a lavorare alla conservazione del sito. Tuttavia, a causa dell'umidità, delle infiltrazioni di sale e dell'erosione, i complessi monumentali si stanno ancora sgretolando. Metodi di riparazione inappropriati hanno ulteriormente danneggiato il complesso. Il World Monuments Fund ha posto la struttura nella lista dei beni osservati nel 1998, 2000 e 2002 per attirare l'attenzione internazionale e ha ottenuto sovvenzioni per conservare le tombe.[2]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Tomb of Bibi Jawindi, Baha'al-Halim and Ustead and the Tomb and Mosque of Jalaluddin Bukhari, su World Heritage Sites, UNESCO. URL consultato il 18 settembre 2012.
  2. ^ a b Uch Monument Complex, World Monuments Fund. URL consultato il 18 September 2012.
  3. ^ a b c Uch Sharif: where the shrine culture began, Dawn news. URL consultato il 18 September 2012.
  4. ^ Bibi Jawindi Tomb, ArchNet. URL consultato il 18 September 2012 (archiviato dall'url originale il 30 September 2012).
  5. ^ Faience, About.com. URL consultato il 18 September 2012.
  6. ^ Bibi Jawindi Mausoleum (Pakistan), OIC Research Center for Islamic History, Art, and Culture. URL consultato il 20 September 2012 (archiviato dall'url originale il 15 April 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]