Massimo Preziosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Preziosi

Sindaco di Avellino
Durata mandato 1975 –
1980
Predecessore Antonio Aurigemma
Successore Giovanni Pionati

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Massimo Preziosi (Avellino, 12 ottobre 1942Avellino, 11 dicembre 2019) è stato un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Olindo Preziosi, avvocato penalista e già sindaco di Avellino nel 1952, intraprese l'attività forense contestualmente a quella politica, iscrivendosi alla Democrazia Cristiana.[1]

In seguito alle elezioni comunali del 1975 divenne sindaco di Avellino, rimanendo in carica fino al 1980.

Alle elezioni politiche del 1996 fu candidato da Alleanza Nazionale per il collegio di Avellino nel Polo delle Libertà, non riuscendo a essere eletto. Concorse nuovamente alla carica di primo cittadino avellinese alle amministrative del 2009, sostenuto da una coalizione di centro-destra, ma fu sconfitto al ballottaggio dal candidato Giuseppe Galasso.[2][3]

Padre di tre figli, Olindo e Valerio, avvocati, e Alessandro, che ha lasciato la carriera forense per intraprendere quella da attore,[1] è morto all'età di settantasette anni la notte tra il 10 e l'11 dicembre 2019.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Alessandro Preziosi, morto il padre Massimo: fu sindaco di Avellino e fece l'avvocato col figlio prima dei successi in tv e al cinema, su Corriere della Sera, 11 dicembre 2019. URL consultato il 2 marzo 2020.
  2. ^ a b È morto Massimo Preziosi, già sindaco di Avellino, su Nuova Irpinia, 12 dicembre 2019. URL consultato il 2 marzo 2020.
  3. ^ Massimo Preziosi, su amministratori.interno.gov.it. URL consultato il 2 marzo 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Avellino Successore Avellino-Stemma.png
Antonio Aurigemma 1975 - 1980 Giovanni Pionati