Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Masdar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima azienda emiratina, vedi Masdar (azienda).
Masdar
città
in arabo: مدينة مصدر‎, Madīnat Maṣdar
Localizzazione
StatoEmirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
EmiratoAbu Dhabi
Amministrazione
SindacoAhmed Ali Al Sayegh
Amministratore localesultano Ahmed Al Jaber
Lingue ufficialiarabo
Data di istituzione2006
Territorio
Coordinate24°25′45″N 54°37′06″E / 24.429167°N 54.618333°E24.429167; 54.618333 (Masdar)Coordinate: 24°25′45″N 54°37′06″E / 24.429167°N 54.618333°E24.429167; 54.618333 (Masdar)
Superficie6 km²
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+4
Cartografia
Mappa di localizzazione: Emirati Arabi Uniti
Masdar
Masdar
Sito istituzionale

Masdar (in arabo: مدينة مصدر‎, Madīnat Maṣdar) o in inglese Masdar City, letteralmente "la città sorgente"[1], è una città pianificata ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti.

Pianificazione[modifica | modifica wikitesto]

Progettata dallo studio di architettura inglese Foster and Partners, la città conterà esclusivamente sull'energia solare, con un'economia a emissioni zero e un'ecologia senza rifiuti. La città, che coprirà 6 km², si trova a 30 km a est della capitale, vicino all'aeroporto internazionale di Abu Dhabi.

Masdar è aperta al pubblico: una volta arrivati è sufficiente informare la sicurezza che si intende prendere visione della città: un sistema di trasporto elettrico automatizzato senza conducente chiamato PRT (Personal Rapid Transit) sarà messo a disposizione dei visitatori.

L'iniziativa è capeggiata dalla società Abu Dhabi Future Energy Company e presieduta dallo sceicco Mohammad Bin Zayed Al Nahyan. Il progetto è iniziato nel 2006, e si pensa ci vogliano 10 anni per completarlo. La prima fase sarà completata e abitabile nel 2016.

Madinat Masdar — colosso[non chiaro] da 22 miliardi di dollari voluto dalla compagnia energetica Masdar — è una città in cui le normali auto non potranno circolare, sostituite da circa 2.500 navette a emissioni zero che effettueranno 150.000 itinerari al giorno. L'energia sufficiente a mantenere la città sarà garantita da impianti fotovoltaici, eolici e termali che faranno risparmiare, nei prossimi 25 anni, oltre due miliardi di dollari di petrolio. La città ospiterà, almeno all'inizio, 50.000 persone, 1.500 imprese e il Masdar Institute of Science and Technology, polo universitario realizzato in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology e dedicato esclusivamente allo studio e alla ricerca nel campo delle energie rinnovabili. Masdar mira ad essere uno degli sviluppi urbani più sostenibili al mondo.

La costruzione iniziò nel 2008 e i primi edifici sono in programma di aprire nel terzo trimestre del 2010. La città sarà sede di compagnie internazionali e le menti di spicco nel settore della sostenibilità e delle energie rinnovabili. General Electric è un partner strategico in Masdar e costruirà il suo primo centro Ecomagination nella città. Il centro si concentrerà sulla promozione di soluzioni di business sostenibile che sostenga lo sviluppo e la diffusione di nuove tecnologie e innovative.

Altri partner famosi del progetto includono BP, Royal Dutch Shell, Mitsubishi, Rolls-Royce, Total S.A., Mitsui, Fiat e la tedesca Conergy, che sta pianificando una centrale solare termodinamica da 40 MW.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il termine maṣdar indica nella grammatica della lingua araba il "nome d'azione" o "modo infinitivo".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7842300-4
Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente