Martino Ferrabosco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Martino Ferrabosco o Ferabosco (Capolago, ... – Roma, 3 agosto 1623) è stato un architetto e incisore italiano.

Di origine ticinese (Capolago, Lugano), fu attivo a Roma tra il secondo ed il terzo decennio del XVII secolo, dove iniziò come scalpellino, come tanti altri artisti con la stessa provenienza.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue opere, molte delle quali in collaborazione con Giovanni Vasanzio, si ricordano:

Fu "fontanaro" del Palazzo apostolico[1], sovrintendente alle fontane del Vaticano, del Borgo e del Quirinale e progettò alcune fontane con Vasanzio tra cui:

Fu anche incisore e la sua opera grafica più conosciuta sono le tavole per il Libro dell'Architettura della basilica di San Pietro in Vaticano, pubblicato nel 1620 e poi nel 1684 con commento di Giovan Battista Costaguti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare D'Onofrio, Le fontane di Roma, 1986
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie