Maropitant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Maropitant
Maropitant.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC32H40N2O
Massa molecolare (u)468.67 g/mol
Numero CAS147116-67-4
Codice ATCA04AD90
PubChem204108
SMILES
CC(C)(C)C1=CC(=C(C=C1)OC)CNC2C3CCN(C2C(C4=CC=CC=C4)C5=CC=CC=C5)CC3
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaantiemetico
Modalità di
somministrazione
orale, sottocutanea
Indicazioni di sicurezza

Il maropitant, usato come maropitant citrato, è un farmaco ad uso veterinario antagonista del recettore NK1. Viene utilizzato principalmente per ridurre la nausea ed il vomito indotto da chemioterapia. In Italia è venduto con il nome di Cerenia.

Il suo uso è approvato unicamente per le specie canine.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene sia indicato per la prevenzione della nausea indotta dalla chemioterapia, trova anche utilizzo per la prevenzione del vomito, incluso quello indotto dalla cinetosi.

La somministrazione tramite compresse si è dimostrata efficace nel trattamento del vomito e della nausea, tuttavia quando la frequenza del vomito è elevata, poiché assorbimento orale può essere successivo al prossimo evento emetico, ne può essere consigliata dapprima la somministrazione per via iniettabile.

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Il maropitant è un neurochinina (NK1), antagonista di tali recettori, e blocca l'azione della sostanza P a livello del sistema nervoso centrale. La sostanza P è un neurotrasmettitore coinvolto nel meccanismo del vomito e quindi, se viene bloccato il recettore sul quale agisce, si riesce prevenire il vomito.

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il maropitant viene metabolizzato per via epatica, perciò deve essere somministrato con riguardo a quei pazienti con patologie epatiche in corso. In più, poiché il maropitant ha affinità verso i canali degli ioni Ca e K, deve essere somministrato con cautela ad animali con problemi cardiaci.