Mario Costa Cardol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Costa Cardol (Saluzzo, 1925Milano, 2004) è stato un giornalista, scrittore e storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inviato di periodici italiani in Francia e in Belgio per molti anni, era un profondo conoscitore della cultura e della storia di quei paesi sulle quali ha pubblicato numerosi saggi.

Al suo rientro in Italia ha scritto la prima importante serie di libri sul Risorgimento, che hanno dato vita a tutta una nuova vivace storiografia critica basata su informazioni e documentazioni meno note. La morte gli ha impedito di completare il quarto volume della collana. Nei suoi ultimi anni si è dedicato allo studio della storia e delle persecuzioni subite dalle comunità ebraiche nella Russia zarista durante la Grande Guerra.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesi allo specchio. Milano: Feltrinelli, 1963
  • Les Français sont comme ça. Parigi: Denöel, 1964
  • De Gaulle. Milano: Della Volpe, 1966
  • Pétain. Milano: Fabbri Editore, 1983
  • Venga a Napoli Signor Conte. Storia poco nota del nostro Risorgimento. Milano: Mursia, 1986
  • Ingovernabili da Torino. I tormentati esordi dell'unità d'Italia. Milano: Mursia, 1989
  • Va' pensiero su Roma assopita. Storia italiana 1866-1876. Milano: Mursia, 1993
  • Ultimo Zar - Primo Olocausto. Panoramica storica dei personaggi che hanno segnato l'evolversi dei fatti che sono culminati con il primo sterminio degli ebrei del XX secolo. Milano: Lulav Editrice, 2001
  • Una raccolta di sui saggi è stata pubblicata sul numero monografico dei Quaderni Padani, n.73, Settembre-ottobre 2007
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie