Marija Veniaminovna Judina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marija Veniaminovna Judina

Marija Veniaminovna Judina (in russo: Мария Вениаминовна Юдина?; Nevel', 9 settembre 1899Mosca, 19 novembre 1970) è stata una pianista sovietica.

Nata da famiglia ebraica, e in seguito convertita al cristianesimo,[1] Maria Judina studiò al Conservatorio di San Pietroburgo sotto la guida di Leonid Nikolaev. Tra i suoi compagni di classe si ricordano Dmitrij Šostakovič e Vladimir Sofronickij. Anche se è conosciuta soprattutto per le sue interpretazioni di Johann Sebastian Bach e Ludwig van Beethoven, era un'acuta promotrice della musica contemporanea, tra cui quella di Šostakovič. Il suo modo di suonare era caratterizzato da spiccato virtuosismo, spiritualità, forza quasi mascolina e rigore intellettuale.

I rapporti con la politica sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Judina è anche conosciuta per essere stata la pianista preferita di Stalin. Una notte Stalin ascoltò alla radio il concerto per pianoforte in La maggiore di Wolfgang Amadeus Mozart eseguito dalla Judina, domandandone poi una copia. Tuttavia, il rigore morale e etico della Judina le impedivano di apprezzare Stalin. In risposta ad una lettera di ringraziamento di quest'ultimo, la Judina scrisse: "Vi ringrazio, Josip Visarionovich, per il vostro aiuto. Pregherò per voi giorno e notte, chiedendo al Signore di perdonare i grandi peccati che avete commesso nei confronti del popolo e del paese. Il Signore è misericordioso e vi perdonerà. Il denaro l'ho dato alla chiesa che frequento."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) judina.ru
Controllo di autorità VIAF: (EN198024 · LCCN: (ENn89653058 · ISNI: (EN0000 0000 8079 5966 · GND: (DE119268175 · BNF: (FRcb139013602 (data)