Marija Fëdorovna Nagaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Marija Nagaja)
Jump to navigation Jump to search
Marija Fëdorovna Nagaja
Murder of Ljedmitry.jpeg
"La zarina Marija presenta il falso Dmitrij". Litografia colorata in uno schizzo di V. Babushkin, metà del XIX secolo.
Zarina di Russia
In carica 1580-18 marzo 1584
Predecessore Maria Dolgorukaja
Successore Irina Fëdorovna Godunova
Nascita 8 febbraio 1553
Morte 28 giugno 1611
Padre Fëdor Fëdorovič Nagaj
Consorte Ivan IV di Russia
Figli Dmitrij
Religione Ortodossa

Marija Fëdorovna Nagaja (in russo: Мария Фёдоровна Нагая?; 8 febbraio 155328 giugno 1611) è stata l'ultima moglie dello Zar Ivan IV di Russia, figlia dell'Okol'ničij Fëdor Fëdorovič Nagoj.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marija era la figlia dell'Okol'ničij Fëdor Fëdorovič Nagoj. Suo zio era l'ambasciatore russo in Crimea, un diplomatico e stretto collaboratore del re, Atanasio Fëdorovič Nagoj[1], che apparentemente contribuì al matrimonio con Ivan IV.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1580 sposò Ivan IV, diventando la settima moglie, e nel 1582 gli diede un figlio, Dmitrij. Nel 1582, lo zar suggerì alla regina Elisabetta d'Inghilterra di sposare la sua parente Mary Hastings e di divorziare dalla moglie Marija, ma questi piani non arrivarono mai a buon fine. Marija non era favorita da suo marito e solo la nascita di suo figlio ha risparmiato il suo esilio dalla corte. Più tardi, il nuovo zar Fëdor I proibì al clero di ricordare il nome del suo fratellastro Dmitrij durante i servizi religiosi per il semplice fatto che era nato nel settimo matrimonio e quindi è illegittimo[2].

Dopo la morte dello zar, nel 1584, a Marija non fu concessa alcuna proprietà nelle volontà del defunto zar, ma lasciò delle rendite a suo figlio, a cui fu concesso la città di Uglič, e sia lei che suo figlio furono messi sotto la tutela dei boiardi[3]. Mentre la reggenza del nuovo zar, Boris Godunov, concedeva a Marija un assegno, fu comunque obbligata a lasciare la corte e la capitale e partire con suo figlio e i suoi fratelli per raggiungere la città di suo figlio, Uglič.

Nel 1591, suo figlio Dmitrij morì a Uglič, a causa di un attacco epilettico[3]. Una commissione fu istigata da Godunov per indagare sulla morte di suo figlio, e Marija e i suoi fratelli sostennero la voce che suo figlio fosse morto a causa di un complotto politico commesso da Godunov e sostenne una rivolta che attaccò i boiardi che sostenevano Godunov[3]. Furono tuttavia chiamati a Mosca, dove Marija e i suoi parenti furono accusati di "negligenza criminale" e, di conseguenza, i suoi fratelli furono incarcerati, mentre lei fu fatta suora nel monastero di Beloozero.

Nel 1604, c'erano voci secondo le quali Marija aveva incontrato il Falso Dimitri, che posava come figlio, fu chiamata da Godunov, che la interrogò, ma lei negò di aver incontrato Dmitrij e fu rimandata al convento. Nel 1605, dopo l'ascesa del falso Dmitrij, Marija lo legittimò come pretendente identificandolo come suo figlio che era tornato a Mosca. Tutti i membri della sua famiglia furono liberati, reintegrati nei loro incarichi e si riappropriarono delle lor proprietà confiscate.

Nel 1606, il Falso Dmitrij fece esumare il corpo di suo figlio Dmitrij nella speranza di dimostrare che era il corpo di un altro. Questo atto, tuttavia, offese Marija, ne rinnegò il riconoscimento come suo figlio con il sostegno dei boiardi, minando così la sua legittimità come zar.

Il 3 luglio 1606 accolse a Mosca le spoglie giunte da Uglič dello zarevic Dmitrij, che fu proclamato santo.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La data della sua morte non è nota con esattezza. Sulla sua lapide conservata al Cremlino è indicato il 1611 quale anno di morte, ma si ipotizzano date differenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]