Maria Marevna Vorobev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maria Marevna Vorobev, (nome completo Marija Bronislavovna Vorob'ëva-Stebel'skaja, in russo: Мария Брониславовна Воробьёва-Стебельская? (Čeboksary, 1892Londra, 4 maggio 1984), è stata una pittrice russa, di etnia ciuvascia. È nota a livello internazionale per la combinazione di elementi cubisti (chiamati da lei Dimensionalismi) con il puntinismo. Ha sempre vissuto all'estero, ma si definiva una pittrice russa.

Quand finira la guerre marevna.jpg

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Čeboksary nel 1892 dal nobile polacco Bronislav Stebelski e dall'artista russa ebrea Marija Rosanovič (che sposerà, poi, Aleksandr Vorob'ëv e col quale avrà un'altra figlia, Nina), studia prima a Tbilisi e nel 1910 approda all'Accademia di Belle Arti Stroganov a Mosca.

Da questo momento inizia la sua vita nomade[1], lontana dalla Russia: nel 1911 incontra a Capri Maksim Gor'kij, che la soprannominerà Marevna. Si fidanzerà con il suo figliastro Jurij.

Ha avuto una relazione tumultuosa, durata sei anni, con il pittore Diego Rivera. Dalla loro unione è nata Marika, (19192010), attrice e ballerina.

Fu presente artisticamente anche in Costa Azzurra e Inghilterra, dove morirà a Londra nel 1984.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marevna Vorobëv, Life in Two Worlds: A True Chronicle of the Origins of Montparnasse (Londra 1962)
  • Marevna Vorobëv, Life with the Painters of La Ruche (Publisher: Constable 1972, ISBN 0-09-458760-4; American edition: New York 1974; 3rd Edition David Phillips 2007)
  • Marevna Vorobëv, Mémoires d'une nomade (Encre 1979, ISBN 2-86418-024-3)
  • Marevna Vorobëv, Marevna et les Montparnos: Au Musée Bourdelle, ville de Paris, du 25 septembre au 3 novembre 1985 (Musées de la ville de Paris 1985, ISBN 2-901784-06-2)
  • Gillian Perry, Women Artists and the Parisian Avant-Garde: Modernism and 'Feminine' Art, 1900 to the Late 1920s (Manchester 1996)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mémoires d'une nomade, Encre 1979, ISBN 2864180243; Life in two Worlds, Abelard-Schuman, 1962

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Nadine Nieszawer, Marie Boyé, Paul Fogel, Peintres Juifs à Paris 1905-1939 École de Paris, Editons Denoel, 2000, ISBN 978-2207251423.
  • Gamet J. H. Marevna, Il dono della scelta, Lugano, N. Mazzuconi, 1981.
  • (EN) Gill and Gillian Perry, Women artists and the Parisian avant-garde: Modernism and feminine art, 1900 to the late 1920s, Manchester; New York, Manchester University Press, 1996, pp. 186, ISBN 978-0719041655.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN33094503 · ISNI (EN0000 0000 8112 5091 · Europeana agent/base/158505 · LCCN (ENn50081848 · GND (DE130061611 · BNF (FRcb11914504s (data) · ULAN (EN500095050 · WorldCat Identities (ENlccn-n50081848