Maremmia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Maremmia
Maremmia haupti 1.JPG
Corna di Maremmia haupti
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia  ? Alcelaphinae
Genere Maremmia

La maremmia (gen. Maremmia) è un mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai bovidi. Visse nel Miocene superiore (Turoliano, circa 10 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Italia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale era simile a una piccola antilope, dalle corna spiralate e dall'aspetto generale simile a quello di un attuale kongoni (Alcelaphus buselaphus); le dimensioni, in ogni caso, erano molto minori. Maremmia era dotato di una dentatura notevolmente ipsodonte (con molari a corona alta); i primi due premolari inferiori erano scomparsi, il quarto premolare inferiore era molarizzato e i terzi molari inferiori e superiori erano ingranditi. Un'altra caratteristica insolita era la presenza di incisivi a crescita continua; questo carattere si ritrova anche in altri artiodattili non strettamente imparentati, come il goral di Maiorca Myotragus e l'attuale vigogna.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Maremmia è nota principalmente per due specie, Maremmia haupti e Maremmia lorenzi, piuttosto comuni nelle ligniti di Montebamboli e Baccinello in Toscana. Altri resti abbondanti attribuibili alla specie M. lorenzi o a una molto simile sono stati ritrovati a Fiume Santo in Sardegna, a conferma dell'ipotesi di una provincia tusco-sarda nel Miocene, ipotesi corroborata da altri ritrovamenti di mammiferi in entrambi i luoghi.

Mandibola di Maremmia haupti

Maremmia è stato avvicinato da Hurzeler agli alcelafini (1983), ma dal momento che questi animali sono riscontrati per la prima volta nel Miocene terminale/Pliocene basale, l'attribuzione di Maremmia a questo gruppo porrebbe un problema cronologico, essendo Maremmia un animale già specializzato. La posizione filogenetica di Maremmia è tuttora irrisolta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hürzeler J. (1983). Un alcélaphiné aberrant (Bovidé, Mammalia) des lignites de Grosseto en Toscane. Comptes Rendus de l'Académie des Sciences de Paris 296: 497–503.
  • Abbazzi L., Delfino M., Gallai G., Trebini L. & Rook L. (2008). New data on the vertebrate assemblage of Fiume Santo (North-west Sardinia, Italy), and overview on the Late Miocene Tusco-sardinian palaeobioprovince. Palaeontology, 51: 425-451