Marco Bebio Tamfilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Bebio Tamfilo
Roman SPQR banner.svg Console e Dittatore della Repubblica romana
Nome originale Marcus Baebius Tamphilus
Gens Bebia
Consolato 181 a.C.

Marco Bebio Tamfilo[1] (latino: Marcus Baebius Tamphilus) (... – ...) è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fratello di Gneo, Marco fu nominato triumviro per la fondazione di nuove colonie nel 194 a.C.. Nel 192 a.C. fu pretore e gli fu affidato il Bruzio, con due legioni più 1500 soldati e 500 cavalieri alleati. Come conseguenza delle minacce di guerra contro Antioco III il Grande, gli fu ordinato di muovere con le sue truppe verso Brundisium e Taranto e successivamente di portarsi in Epiro. Rimase in Grecia anche l'anno successivo come propretore e partecipò alla guerra contro Antioco. In accordo con Filippo, re di Macedonia, avanzò in Tessaglia e riuscì ad occupare numerose città, dato che Antioco si ritirava. Successivamente il console Manio Acilio Glabrione arrivò e prese il comando delle truppe, ma Tamfilo rimase come suo legato.

Nel 186 a.C. fu uno dei tre ambasciatori inviati a dirimere le controversie tra Eumene, Filippo e le città libere della Tessaglia.

Nel 181 a.C. fu eletto console con Publio Cornelio Cetego. Ad entrambi i consoli fu assegnata la Liguria come provincia, ma durante tutto l'anno non si segnalarono scontri. Durante il suo consolato propose e fece approvare la Lex Baebia sulla corruzione elettorale

L'anno successivo, quando il loro comando fu prolungato fino all'arrivo dei nuovi consoli, all'inizio della primavera avanzarono nel territorio dei Liguri Apuani, i quali, presi alla sprovvista, si arrensero prontamente. Al fine di prevenire un possibile rinnovamento della guerra, Tamfilo e Cetego decisero di trasportare 40.000 prigionieri, con le loro mogli e figli, fino al Sannio. Per questa ragione al loro ritorno a Roma fu tributato il trionfo; questo fu il primo caso in cui questo onore fu conferito a generali che avevano vinto senza aver combattuto una guerra.

Durante il suo consolato, due contadini ritrovarono sul Gianicolo, la tomba di Numa Pompilio, il secondo re di Roma[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore LupaCapitolina.png
Lucio Emilio Paolo Macedonico
e
Gneo Bebio Tamfilo
(181 a.C.)
con Publio Cornelio Cetego
Aulo Postumio Albino Lusco
e
Gaio Calpurnio Pisone