Marcello De Dorigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcello De Dorigo
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 60 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Specialità 15 km, 30 km, staffetta 4×10 km
Squadra Fiamme Gialle
Ritirato 1964
Statistiche aggiornate al 25 maggio 2019

Marcello De Dorigo (Rocca Pietore, 2 giugno 1937) è un ex fondista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1937 a Rocca Pietore, in provincia di Belluno, è entrato in nazionale nel 1957, a 20 anni[1].

A 22 anni ha partecipato ai Giochi olimpici di Squaw Valley 1960, chiudendo 9º con il tempo di 52'53"5 nella 15 km e 5º in 2h22'32"5 nella staffetta insieme a Giulio De Florian, Pompeo Fattor e Giuseppe Steiner.

4 anni dopo ha preso parte di nuovo alle Olimpiadi, quelle di Innsbruck 1964, terminando 27º con il tempo di 55'26"1 nella 15 km, 15º in 1h33'53"4 nella 30 km e 5º in 2h21'16"8 nella staffetta insieme a Giulio De Florian, Franco Nones e Giuseppe Steiner.

Nel 1958 e 1962 ha partecipato ai Mondiali, arrivando 5º nella staffetta 4×10 km sia a Lahti 1958 sia a Zakopane 1962.

Ai campionati italiani ha vinto 5 medaglie: 1 oro (1963) e 1 argento (1962) nella 30 km e 2 ori (1960 e 1962) e 1 argento (1963) nella 15 km.

Si è ritirato a fine 1964, dopo una disavventura durante degli allenamenti in Svezia che lo aveva costretto a venire amputato di 6 dita dei piedi, rimaste congelate[2]. Nel 2016 la regista Lucia Zanettin ha diretto un film sulla sua vita e in particolare su quest'ultimo avvenimento, Le stelle di Celi[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ilario Tancon, De Dorigo, il fondista che sfidò i nordici, su corrierealpi.it, 20 agosto 2017. URL consultato il 25 maggio 2019.
  2. ^ Marcello de Dorigo, su aurineskidolomiti.com. URL consultato il 25 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2019).
  3. ^ Un film sulla vita e le avventure di Marcello de Dorigo, su rovigoindiretta.it, 17 ottobre 2017. URL consultato il 25 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2019).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]