Lukla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lukla
villaggio
Lukla – Veduta
Localizzazione
Stato Nepal Nepal
Regione Orientale
Zona Sagarmatha
Distretto Solukhumbu
Comitato per lo sviluppo dei villaggi Divisione amm grado 4 mancante (man)
Territorio
Coordinate 27°41′16″N 86°43′53″E / 27.687778°N 86.731389°E27.687778; 86.731389 (Lukla)Coordinate: 27°41′16″N 86°43′53″E / 27.687778°N 86.731389°E27.687778; 86.731389 (Lukla)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+5:45
Cartografia
Mappa di localizzazione: Nepal
Lukla

Lukla è una città nella zona del Khumbu, nel nordest del Nepal, situata a 2860 metri di altezza. È molto popolare tra gli escursionisti e arrampicatori, essendo l'unico accesso per coloro che vogliono visitare questa parte dell'Himalaya. In questa regione ci sono le montagne più alte della terra, compreso il Monte Everest. Anche se Lukla significa “luogo con molte capre e pecore”, si trovano pochi di questi animali nella zona al giorno d'oggi.

Nella sua unica strada c'è una grande varietà di pensioni e negozi che forniscono rifornimenti, attrezzature per il trekking e anche attrezzature specializzate per l'alpinismo. Da Lukla si diramano diversi sentieri che portano alle montagne, fra loro quello che conduce al campo base dell'Everest che passa per Namche Bazaar, nel Sagarmatha National Park e poi per Tengboche, Dingboche e Gorak Shep,[1] e quello che conduce a Gokyo con i suoi laghi che passa anche lui per Namche Bazaar prima di girare verso ovest.[1]

Da Lukla, per raggiungere Nanche Bazaar, situata a 3440 metri di altezza, la maggior parte delle persone impiegano due giorni, per permettere un miglior acclimatamento, per poi continuare per uno dei sentieri che portano più in alto.[2]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Per coloro che vogliono fare escursioni ad alta quota le stagioni ideali sono la primavera (marzo e aprile) e l'autunno (ottobre e novembre), stagioni in cui la visibilità delle montagne è ideale e la temperatura non è troppo fredda.[3] Durante la primavera, le foreste di rododendri, con fiori rossi e ghirlande di magnolie color panna, coprono i fianchi delle colline che portano da Lukla a Namche Bazaar.[4]

Nei mesi invernali, da dicembre a febbraio è possibile fare escursioni, però, parte degli alloggi sono chiusi.

Aeroporto Tenzing-Hillary[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aeroporto Tenzing-Hillary.
Aeroporto di Lukla

Lukla possiede un piccolo aeroporto che collega la regione con Kathmandu (in nepalese काठमांडौ).

L'aeroporto è denominato Tenzing-Hillary in onore dei primi due uomini che hanno scalato l'Everest nel 1953, (Tenzing Norgay e Edmund Hillary). Hillary stesso partecipò alla sua inaugurazione, dopo essersi attivamente impegnato nella sua inaugurazione. L'aeroporto è servito quasi esclusivamente da piccoli bimotori Dornier e Twin Otter;[5] il volo da Kathmandu dura 30 minuti.

Durante l'alta stagione, in aprile, maggio, settembre e ottobre, la frequenza dei voli è quasi di 100 al giorno. L'aeroporto è situato sul fianco di una montagna, ha una pista breve e ripida, con una pendenza del 12% (in origine sterrata, poi asfaltata nei primi anni 2000) ed è considerato uno dei più pericolosi al mondo.

Quando la visibilità è scarsa per via delle nuvole o della nebbia (cosa frequente sull'Himalaya) tutti i voli vengono cancellati, provocando ritardi.[6]

L'unica alternativa per arrivare da Kathmandu a Lukla senza utilizzare l'aereo è prendere un autobus per 10 ore, fino al borgo di Shivalaya, che si trova a 1767 metri di altezza, o a Jiri, e poi salire per uno dei sentieri, facendo un'escursione di sei\sette giorni[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bradley, Mayhew; "Trekking in the Nepal Himalaya" ;(2009); 9 edição; pp 88 and 98; Lonely Planet; ISBN 9781741041880
  2. ^ Muza, SR; Fulco, CS; Cymerman, A (2004). "Altitude Acclimatization Guide.". US Army Research Inst. of Environmental Medicine Thermal and Mountain Medicine Division Technical Report (USARIEM-TN-04-05). http://archive.rubicon-foundation.org/7616. Accesso 5-3-2009
  3. ^ [Shrestha, Vinod Prasad; Concise Geography of Nepal; 2007; Kathmandu; Mandal Publications; ISBN 9789994655045]
  4. ^ Simmpson, Joe; Storms of Silence; 1999; pp 85-93; Butlers&Tannel LTD; London; ISBN 0-89886-512-3.
  5. ^ Reynolds, Kev; "Everest: A Trekker’s Guide: Trekking Routes in Nepal and Tibet" ;(2010); 4th edição; pp 121 e 122; Cicerone Press - UK; ISBN 9781852844189.
  6. ^ "World'sMostDangerousAirports".http://www.jaunted.com/story/2007/1/22/163551/923/travel/World%27s+Most+Dangerous+Airports%3A+Lukla+Airport,+Nepal,+LUA. Retrieved 2011-03-25

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]