Luke Harding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luke William Harding (Melbourne, 11 luglio 1977) è un linguista australiano. Professore presso il Dipartimento di linguistica e lingua inglese dell'Università di Lancaster, Regno Unito.[1], la sua ricerca si concentra sulla valutazione del linguaggio, con particolare attenzione alla valutazione dell'ascolto, alla pronuncia e alla diagnosi. È caporedattore della rivista Language Testing.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha conseguito la laurea in Linguistica all'Università di Melbourne nel 2002. Successivamente ha conseguito il Master in linguistica applicata e un dottorato in linguistica applicata all'Università di Melbourne nel 2008.

Dal 2011 è professore ordinario presso il Dipartimento di linguistica e lingua inglese della Lancaster University, Regno Unito.

Il 19 aprile 2017, Charles Alderson e Tineke Brunfaut, sono stati selezionati come vincitori del premio come miglior articolo dalla International Language Testing Association (ILTA). Il pluripremiato documento, Towards a Theory of Diagnosis in Second and Foreign Language Assessment: Insights from Professional Practice Across Diverse Fields, è stato pubblicato nel 2015 sulla rivista Applied Linguistics. Lo studio ha esaminato il modo in cui la diagnosi viene teorizzata e condotta, in una vasta gamma di professioni, al fine di trovare elementi comuni che possano essere applicati al contesto della valutazione della seconda lingua straniera. Sulla base di interviste con professionisti di settori quali la meccanica automobilistica, il supporto dei sistemi IT, la medicina, la psicologia e l'educazione, è stata elaborata una serie di principi per facilitare l'informazione di una teoria completa della valutazione diagnostica in una seconda lingua o in una lingua straniera.[3]

Il 9 ottobre 2018, Harding è stato invitato come relatore alla Georgetown University, Washington, DC. Ha tenuto un discorso dal titolo "L'inglese come lingua franca e valutazione della lingua: sfide e opportunità".[4]

A partire dal 2019, è condirettore della rivista Language Testing.[5][6]

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

In un articolo di giornale, pubblicato nel 2012 in Language Testing, Harding ha esaminato il potenziale di un vantaggio condiviso di L1 in un test di ascolto in inglese accademico che include altoparlanti con accenti L2.[7][8]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Harding ha pubblicato su diverse riviste importanti come Applied Linguistics, Language Testing, Language Teaching, e Language Assessment Quarterly. Ha anche pubblicato articoli su riviste con Charles Alderson.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Harding, L. (2011). Accent and listening assessment: A validation study of the use of speakers with L2 accents on an academic English listening test. (Language Testing and Evaluation; Vol. 21). Frankfurt: Peter Lang.

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harding - Lancaster University, lancaster.ac.uk, 20 giugno 2019.
  2. ^ Language Testing - Editorial Board, Sage, 20 giugno 2019. URL consultato il 20 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Alderson, C., Brunfaut, T., & Harding, L. (2015). Towards a Theory of Diagnosis in Second and Foreign Language Assessment: Insights from Professional Practice Across Diverse Fields, Royal Anniversary Trust, 3 gennaio 2014, DOI:10.1093/applin/amt046.
  4. ^ English as a Lingua Franca and Language Assessment: Challenges and Opportunities, Assessment and Evaluation Language Resource Center, 2 novembre 2018. URL consultato il 20 giugno 2019.
  5. ^ English as a Lingua Franca and language assessment: Challenges and opportunities, Georgetown University, October 2018. URL consultato l'8 luglio 2019.
  6. ^ Language Testing, Sage Publishing. URL consultato l'8 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Luke Harding, Accent, listening assessment and the potential for a shared-L1 advantage: A DIF perspective, in Language Testing, vol. 29, n. 2, 2012, pp. 163–180, DOI:10.1177/0265532211421161.
  8. ^ (EN) Luke Harding, Accent and Listening Assessment: A Validation Study of the Use of Speakers with L2 Accents on an Academic English Listening Test, in Peter Lang, 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]