Luigi Marangoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Marangoni

Luigi Marangoni (Pavia, 11 agosto 1937Milano, 17 febbraio 1981) è stato un medico italiano.

Direttore sanitario del policlinico di Milano, venne ucciso dalla Colonna Walter Alasia delle brigate rosse, il 17 febbraio 1981 mentre usciva con la macchina da casa, in via Don Carlo Gnocchi 4, a Milano. Quattro terroristi, armati di mitra e di bastoni, bloccano l'auto di Marangoni e sparano in tre su di lui.

Marangoni aveva ricevuto numerose minacce, dopo avere denunciato gli autori di alcuni sabotaggi all'interno della struttura ospedaliera.

Marangoni muore lasciando la moglie Vanna Bertelè, la figlia Francesca di 17 anni e il figlio Matteo di 15 anni.

L'assassinio viene rivendicato con una telefonata ad un giornale a nome delle Brigate Rosse – colonna Walter Alasia – brigata Fabrizio Pelli.

Oggi l'ala del policlinico dedicata al coordinamento dei trapianti porta il suo nome.

Era il nipote della ginnasta Carla Marangoni, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Amsterdam del 1928, deceduta il 18 gennaio 2018, quando era l'ultima atleta medagliata di quella edizione dei Giochi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]