Clara Marangoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clara Marangoni
Nazionalità Italia Italia
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Specialità Concorso a squadre
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 marzo 2011

Carla Marangoni, erroneamente chiamata Clara (Pavia, 13 novembre 1915Pavia, 18 gennaio 2018), è stata una ginnasta italiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della giovanissima squadra italiana, composta in gran parte di ragazze di 13-14 anni[1], che alle Olimpiadi del 1928 ad Amsterdam ha conquistato la medaglia d'argento nel concorso generale a squadre dietro le padrone di casa. Le ginnaste, quasi tutte pavesi, erano infatti dette le piccole ginnaste di Pavia. Si trattò della prima medaglia olimpica in assoluto per lo sport italiano femminile[2].

Il suo nome esatto è Carla Marangoni, eppure per errore le statistiche sportive ufficiali riportano per lo più il nome Clara.

Poco dopo le Olimpiadi di Amsterdam lasciò la ginnastica ma ha sempre continuato a tenersi in forma. Ha lavorato a lungo alla Motorizzazione di Pavia; è stata una delle prime donne italiane a prendere la patente automobilistica e quella nautica. Carattere molto indipendente, non si è mai voluta sposare[3].

Suo nipote, Luigi Marangoni, venne ucciso dalle Brigate Rosse nel 1981.

È morta il 18 gennaio 2018[4]; era l'ultima in vita tra gli sportivi che vinsero una medaglia nelle Olimpiadi di Amsterdam e, sempre fino alla sua morte, la persona vivente che abbia vinto una medaglia olimpica nella data più remota nel tempo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Risultato Gara
1928 Giochi olimpici Paesi Bassi Amsterdam Argento Argento Concorso a squadre

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]