Lubos Fiser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luboš Fišer (Praga, 30 settembre 193522 giugno 1999) è stato un compositore ceco.

Negli anni 1952-56 studiò composizione al Conservatorio di Praga, allievo di Emil Hlobil; la prima esecuzione in un concerto pubblico di un suo lavoro, i Quattro Pezzi per violino e pianoforte, ebbe luogo nel 1954. Acquisì una certa notorietà quale autore di musica da camera e di colonne sonore cinematografiche. Vinse il Prix Italia nel 1969 con le musiche per il balletto televisivo Bludiště moci (Il labirinto del potere) di Petr Weigl, e nel 1979 con la colonna sonora del film Zlatí úhoři (Anguille d'oro) di Karel Kachyňa[1].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Teatro
  • Lancelot, opera da camera su libretto di Eva Bezděková (rappresentata a Praga nel 1961)
  • Changing game, balletto (1971)
  • Istanu, melologo per voce recitante, flauto e quattro percussionisti su testi ittiti (1980)
Orchestra
  • Patnáct listů podle Dürerovy Apokalypsy (Quindici pagine dall'Apocalisse di Dürer, 1965)
  • Double (1969)
  • Lament per orchestra da camera (1971)
  • Report per strumenti a fiato (1971)
  • Concerto per Galileo Galilei per archi (1974)
  • Labyrinth (1977)
  • Serenády pro Salzburg (Serenate per Salisburgo) per orchestra da camera (1979)
  • Meridián (1980)
  • Sonata (1998)
Strumenti solisti e orchestra
  • Concerto da camera per pianoforte (originariamente per strumenti a fiato; 1964, 1970)
  • Concerto per pianoforte (1979)
  • Albert Einstein - portrét (Ritratto di A. E.) per organo (1979)
  • Romance (Romanza) per violino (1980)
  • Concerto per due pianoforti (1983)
  • Sonata per Leonardo per chitarra e archi (1994)
  • Pastorale per Giuseppe Tartini per chitarra e archi (1995)
  • Concerto per violino (1998)
Da camera
  • Ruce (Mani), sonata per violino e pianoforte (1961)
  • Sonata per violoncello e pianoforte (1975)
  • Variace na neznámé téma (Variazioni sopra un tema sconosciuto) per quartetto d'archi (1976)
  • Trio per violino, violoncello e pianoforte (1978)
  • Sonata per due violoncelli e pianoforte (1979)
  • Romance(Romanza) per violino e pianoforte (1980)
  • Testis per quartetto d'archi (1980)
  • Sonata per violino solo, In memoriam Theresienstadt (1981)
  • Quartetto per archi (1983–1984)
  • Sonata per violoncello solo (1986)
  • Impromptu per clarinetto e pianoforte (1986)
  • Sonata per viola solista e quartetto d'archi (1991)
  • Dialog per tromba e organo (1996)
Pianoforte
  • Sonata n. 1 (1955)
  • Sonata n. 2 (1957)
  • Sonata n. 3, Fantasia (1960)
  • Sonata n. 4 (1962–1964)
  • Sonata n. 5 (1974)
  • Sonata n. 6, "Fras" (1978)
  • Sonata n. 7 (1987)
  • Sonata n. 8 (1996)
  • Sny a valčíky (Sogni e valzer; 1993)
Organo
  • Reliéf (Sollievo; 1964)
Vocale
  • Requiem per soprano e baritono solisti, doppio coro misto e orchestra (1968)
  • Vánoční koledy (Canti di Natale) per voci soliste, coro e orchestra (1969)
  • Nářek nad zkázou města Ur (Lamento per la distruzione della città di Ur) per soprano e baritono solisti, tre narratori, voci bianche, coro misto, timpani e campane (1970)
  • Zapomenuté písně (Canti dimenticati) per mezzosoprano, flauto contralto, viola e pianoforte su testi tradizionali gitani (1985)
  • Oh cara, addio, aria per soprano e quartetto d'archi (1987)
Colonne sonore
  • Valerie a týden divu (letterlalmente: Valerie e la settimana meravigliosa; distribuito in Italia con il titolo Fantasie di una tredicenne; 1970)
  • Oxen (Il bue, 1991)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dei vincitori del Prix Italia, 1949-1998: http://www.prixitalia.rai.it/2013/Pdf/Winners1949-1998.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN87333435 · LCCN: (ENn85034621 · ISNI: (EN0000 0001 1030 5367 · GND: (DE128541180 · BNF: (FRcb146066732 (data)