Lorna Cepeda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lorna Paz)

Lorna Cepeda Jiménez conosciuta, principalmente come Lorna Cepeda o Lorna Paz (Cartagena de Indias, 18 novembre 1970) è un'attrice colombiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sorella di Angie Cepeda, come lei attrice di telenovelas, è conosciuta soprattutto per la sua partecipazione alle soap opera di successo Betty la fea e Amas de casa desesperadas. Ha iniziato la sua carriera artistica nel 1997, dopo essersi laureata in psicologia, in Colombia. Dal 2001 al 2003 è stata sposata col suo manager Eduardo Paz, con il quale era legata sentimentalmente dal 1990. Insieme hanno avuto tre figli: Daniel, Nataniel e Mariano.

Nel 2015 ha partecipato all'edizione colombiana del talent show Tu cara me suena.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • El día es hoy - telenovela (1996)
  • Padres e Hijos - serie TV (1997)
  • Dulce martirio - telenovela (1997)
  • El amor es más fuerte - telenovela (1998)
  • Amor en forma - telenovela (1998)
  • Betty la fea (Yo soy Betty, la fea) - telenovela (1999-2001)
  • Provócame - telenovela (2001)
  • Mi pequeña mamá - telenovela (2002)
  • Bésame tonto - telenovela (2002)
  • Doctor amor - telenovela (2003)
  • Casados con Hijos - serie TV (2005-2006)
  • Guayoyo Express - serie TV (2006)
  • Así es la diva - telenovela (2006)
  • Amas de casa desesperadas - serie TV (2006)
  • Chepe Fortuna - serie TV (2010)
  • Casa de reinas - serie TV (2012)
  • Los graduados - serie TV (2013-2014)
  • Mujeres asesinas - serie TV (2016)
  • El tesoro - telenovela, 2016
  • 3 familias - telenovela, 2016

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • En Alquiler - cortometraggio

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Estado Civil Infiel

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Lorna Cepeda sacó a relucir su lado sensual para interpretar a Kylie Minogue, in caracoltv.com, 29 aprile 2015. URL consultato il 18 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]