Lluís Dalmau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lluís Dalmau (Valenza, 14001460) è stato un pittore spagnolo, influenzato dallo stile fiammingo.

Vierge des conseillers, 1443-1445 - Museu nacional d'art de Catalunya.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla protezione di Alfonso V d'Aragona, soggiornò nel 1428 presso la corte di Giovanni II di Castiglia con il fine di approfondire le sue conoscenze nei riguardi delle opere fiamminghe. Proprio lì ebbe l'occasione di incontrare per la prima volta Jan van Eyck, la cui conoscenza venne rinsaldata tre anni dopo, quando Dalmau si trasferì a Bruges, presso la bottega dell'artista fiammingo.[1]

Fu attivo a Valenza negli anni che vanno dal 1436 al 1438, dove lavorò ad una Annunciazione per il Castello di Xàtiva, oggi perduta.

Negli anni seguenti si spostò a Barcellona per eseguire una Vergine dei consiglieri commissionata dal municipio per la cattedrale, conservata al Museo nazionale d'arte della Catalogna. Questa opera si caratterizzò per gli elementi naturalistici presenti nel paesaggio e per quelli realistici avvertibili nelle figure, oltre che per alcune peculiarità disegnative e per una delicata brillantezza cromatica.[1]

Nel novembre 1447, in compagnia del pittore valenciano Bartomeu Almenara, soggiornò a San Baudilio de Llobregat, per la realizzazione della pala d'altare della chiesa parrocchiale.

Un lavoro importante si rivelò la pala d'altare della cappella di San Antonio nella chiesa di Santa María del Mar, assunto nel 1449, che è stato seguito da alcuni altri ordini, come la pala di Santa Cecilia per la parrocchia di Mataró, assunto nel 1459, e la pala d'altare del convento di Sant Agustí Vell di Barcellona, ​​per la confraternita "de los curtidores".[2]

I suoi lavori furono eseguiti a olio secondo la tecnica messa a punto dai pittori fiamminghi.[1]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c le muse, IV, Novara, De Agostini, 1964, pp. 57-58.
  2. ^ Joan Molina i Figueras, Arte, devoción y poder en la pintura tardogótica catalana, Universidad de Murcia, 1999, p. 181.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) José María Azcarate, Arte Gótico en España, Madrid, 2000.
  • (ES) Joan Molina i Figueras, Arte, devoción y poder en la pintura tardogótica catalana, Universidad de Murcia, 1999.
  • (ES) Francesc Ruiz Quesada, Lluís Dalmau y la influencia del realismo flamenco en Cataluña, in La pintura gótica durante el siglo XV en tierras de Aragón y en otros territorios peninsulares, Saragozza, Lacarra Ducay, 2007, p. 245.
  • (ES) Bart Fransen, Jan van Eyck y España. Un viaje y una obra, in Anales de Historia del Arte, vol. 22, nº 50, Servicio de Publicaciones de la Universidad Complutense de Madrid), 2012.
  • (FR) Salvador Sampere i Miquel, Lluís Dalmau, in La peinture catalane à la fin du Moyen Âge, Parigi, Ernest Leroux, 1933, p. 56.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77482568 · GND (DE132698498 · ULAN (EN500115275